INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Acero campestre

Dettagli
cdg a acero campestre 001   Nome scientifico: ACER CAMPESTRE
  Nome comune: ACERO CAMPESTRE
  Famiglia: Aceraceae
  Fioritura: Aprile-Maggio
  Frutti: Settembre-Ottobre
  Habitat: una delle più diffuse piante del territorio italiano escluse le zone calde e aride. Predilige siepi e boschi e mesofili di latifoglie, su terreni calcarei ben drenati, ma si adatta facilmente a tutti i tipi di terreno. Fino a 900 m


Descrizione

cdg-a-acero-campestre dis

L’Acero campestre è un alberello a fogliame deciduo che può raggiungere i 20 m di altezza. Spesso il suo tronco è sinuoso, contorto e ramificato, talvolta invece si trova in forma arbustiva.La corteccia negli esemplari giovani è giallastra e diventando più scura con l’età si fessura anche in placche reticolate.
La pianta non è molto longeva e raramente supera i 100 anni. L’apparato radicale dell’acero campestre è assai profondo, robusto e ramificato.
La chioma appare globosa, densa, color verde carico.

Le foglie hanno lamina spessa, con forma palmata, con 5 lobi ottusi e profondi (talvolta 3). Sono portate su un lungo picciolo che se staccato secerne latte. Sono larghe circa 6/8 cm, color verde scuro lucido nella parte superiore e leggermente più chiare e pelose in quella inferiore. In autunno assumono una bella e tipica colorazione giallo-rossastra.

I fiori che spuntano contemporaneamente alle foglie, sono piccoli e verdastri, riuniti in infiorescenze a grappolo che possono portare fiori unisessuali o ermafroditi. Hanno piccoli calici con 5 sepali e 5 petali molto simili. All’interno della corolla spiccano stami e antere giallastre.

I frutti sono ‘disamare’ con alette opposte divergenti a 180° lunghe 5/6 cm, prima rossastre, poi giallo brune a maturazione.

In passato l’Acero campestre era utilizzato per consolidare i terreni franosi, ma soprattutto serviva come tutore nelle vigne, che in Toscana venivano chiamate ‘Viti a Chioppo’. Anche le foglie trovavano utilizzo come foraggio e il suo legno chiaro e duro, era utilizzato per piccoli oggetti o come ottimo combustibile.

Anticamente erano attribuite all’Acero campestre delle propietà magiche contro gli spiriti e le streghe e veniva impiegato per curare il ‘fuoco di Sant’Antonio (Erpes Zoster). Soprattutto ricercato per la costruzione di strumenti musicali, fu il grande liutaio Antonio Stradivari (1644-1737), che per primo usò un ponte di legno di acero per sostenere le corde dei suoi famosi e pregiati violini.

L’etimologia della parola acero proviene dal latino ‘Acer-acris’ che significa ‘a punta’, forse perché col suo legno, in antichità venivano fabbricate lance. ‘Campestre’ si riferisce all’ambiente dove vive la pianta.

cdg a acero campestre 004

  cdg a acero campestre 002
  cdg a acero campestre 003
  cdg a acero campestre 005
  cdg a acero campestre 006

Acero campestre -- Acer campestre

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.