Altea - Bismalva

Dettagli
.        

altea bismalva 004 Nome scientifico: 

ALTHEA OFFICINALIS

Nome comune: 

ALTEA – BISMALVA

       greca-fiori
       Famiglia: Malvaceae
       Fioritura: Maggio – Agosto
       Habitat:     predilige luoghi umidi, vicino a ruscelli, fossati, canali ecc. Fino a 1200 m. Non è presente in Val d’Aosta.
     
       

Descrizione:                    

altea bismalva 001 Pianta erbacea perenne, talvolta biennale, che può oltrepassare anche 1 metro di altezza.

Ha una robusta radice a fittone, carnosa e contornata da piccole radichette, da cui si sviluppano i numerosi fusti, eretti e robusti, ricoperti da fitta peluria.

 

Le foglie sono alterne, portate su breve picciolo, di forma ovale, con 3 lobi acuti e margine dentato irregolarmente. Sono di colore verde biancastro per la presenza di una fittissima e morbida peluria.

 

I fiori, grandi 3-5cm, hanno un piccolo calice con 5/8 brattee che si saldano alla base. La corolla è formata da 5 petali cuoriformi, di colore rosato-malva. Sono alternati dalle divisioni del calice e hanno numerosi stami violetti al centro.

 

Il frutto è costituito da una serie di acheni (10-20), piatti e pelosi, disposti in circolo uno accanto all’altro, in maniera strettamente appressata.

 

Fin dall’antichità le Malvacee sono considerate piante preziose per le loro molteplici virtù curative: emollienti, analgesiche, cicatrizzanti, antisettiche, immunostimolanti ecc. I decotti e le tisane, dal sapore dolciastro e mucillaginoso, sono state da sempre apprezzate nella medicina popolare per la cura delle infiammazioni della gola, dei bronchi, dello stomaco e dell’apparato urinario.

Con i fiori e le foglie ridotti in poltiglia, erano invece curate ferite, foruncoli, ascessi e infiammazioni oculari. Mentre con le radici decorticate venivano fatti dei bastoncini che aiutavano i bambini durante la dentizione.

Considerata vera panacea per ogni male, era apprezzata dai Greci e dai Romani anche come prelibatezza culinaria. Nel medioevo i frati la coltivavano nei giardini dei monasteri come pianta officinale. La saggezza popolare ha attribuito all’Altea il nome di “Bismalva”, proprio per mettere in evidenza la straordinaria efficacia dei suoi principi attivi.

Questa preziosa pianta, già citata nei testi di Platone, Pitagora e Virgilio, conosciuta e utilizzata dagli Egizi fin dal IX° secolo a.C., ha preso il suo nome scientifico dal termine greco”Althein” che significa “guarire”.

 

 

            altea bismalva 002
 
 
  altea bismalva 003
 
 

 
            
 

 

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.