di Stefano, Anna e Paolo  18/11/2014                 

 

 

 

 

 

 

             

   

download Scarica traccia GPS   icon google Trova indicazioni stradali per arrivare al punto di partenza clicca qui

Scarica la cartina in formato PDF  CLICCA QUI 

 

traccia-pietrina
graf-pietrina

Decidendo di fare un giro fuori dagli schemi tradizionali della Val di Cecina, abbiamo pensato di andare a percorrere un itinerario conosciuto ed apprezzato anche su diverse guide specializzate, che si trova nel comune di Montaione  nei pressi del piccolo borgo di Iano.

Il percorso ad anello, si presenta molto semplice e privo di difficoltà, nonostante la decina di chilometri  in cui si sviluppa.

Noi, per comodità e per consiglio di un carissimo amico di quelle parti, abbiamo iniziato la nostra escursione  poco prima di San Vivaldo, parcheggiando l’auto nei pressi dell’ abitazione rurale denominata San Leonardo (43°30’42,2”N 10°54’03,6E), dove è anche apposto un apposito cartello esplicativo. Il nostro sentiero sarà contraddistinto dal numero 4, riportato scrupolosamente sui segni bianchi e rossi. Anche se non ci sono grosse difficoltà di orientamento, sarà comunque opportuno prestare attenzione  ai segnali, dato che in tutta la zona sono presenti un’ infinità di stradine e di sentieri boschivi che si intersecano tra di loro.

 

chiesetta presepe2
castello presepe

Ci incammineremo sulla stradina sterrata che si presenta a sx del cancello della proprietà privata e che inizia subito a scendere leggermente, fino a lambire una striscia di coltivo ai margini del bosco, dove entreremo continuando il cammino in direzione O/SO. Pressoché in assenza di dislivello  giungeremo dopo aver percorso circa 2,2 km ad un grande piazzale di breccia bianca, adibito a parcheggio per i visitatori del santuario. Percorreremo la piccola e curata stradina bianca in leggera discesa a fianco del parcheggio, fino a passare davanti ad un’ area attrezzata per ristoro- picnic. Subito dopo, risalendo il percorso delimitato da una staccionata di legno, comparirà davanti a noi la graziosa e sobria chiesetta, incastonata nelle fronde di lecci rigogliosi e costruita sui ruderi dell’antico omonimo castello di cui ancora si vedono le torri diroccate.  Il piccolo edificio religioso, intitolato al culto dei Santi Andrea e Agata della Pietra, edificato come oratorio nel secolo IV°, venne arricchito in seguito con un bel dipinto di una Madonna col Bambino che tiene una mela (oggi nel Palazzo Vescovile di Volterra) attribuito a Bartolo di Fredi allievo di Simone Martini.  La chiesetta più volte restaurata e ampliata, nel 1988 è stata consacrata a Santuario per la fervida devozione degli abitanti della zona verso la Madonna. Tutto intorno si scorgono tra la vegetazione i resti dell’antico castello e all’interno di quella che fu un tempo una cisterna, si può ammirare un curato presepe permanente.

 

chiesetta2 chiesetta3

Poco più avanti il salto roccioso della “Pietrina”, ci mostrerà un sorprendente e inaspettato panorama, dominante sulla sconfinata armonia delle colline del Volterrano e della Valle dell’Era.

panorama1
panorama2

pareti2Tornando indietro, discendendo la piccola stradina in prossimità dell’area ristoro, svolteremo a sx per il piccolo sentiero in parte delimitato da una corda fissa, per poter visitare la conosciutissima “Falesia della Pietrina”,  apprezzata dagli appassionati d’arrampicata che amano cimentarsi nella decina di vie a disposizione, disseminate sull’ampio e strapiombante costone di roccia, che riporta il nome e i gradi di difficoltà.

Questa roccia sedimentaria, piacevole da toccare e da vedere con il suo colore rosato cristallino è chiamata “Verrucano”,  nome che deriva dal Monte Verruca (Monti Pisani), dove si trova in vasti affioramenti. Si tratta di un conglomerato molto compatto costituito da quarzo, feldspati, scisti, con cemento siliceo-ferruginoso, formatosi da 250 a 210 milioni di anni fa nel Permiano Superiore - Triassico Medio Superiore.

Ritornati all’ampio piazzale del parcheggio, svoltando a sx per la ripida strada asfaltata, inizieremo una lunga discesa sullo stretto nastro d’asfalto contornato da un bel bosco di essenze mediterranee dove predominano coloratissimi corbezzoli, particolarmente ricchi di frutti.


roverella
roverella2
 

Scenderemo ancora e oltrepassato l’incrocio per l’abitato di Palagio, in prossimità di una curva a gomito nei pressi della Villa California, ci sorprenderà la vista di una bellissima pianta monumentale. Una gigantesca, vigorosa e millenaria Roverella (Quercus Pubescens), alta oltre 15 metri con un enorme tronco, la cui circonferenza sfiora i quattro metri. Continuiamo il cammino sotto vecchi alberi di meli che costeggiano la  nostra strada, oltrepassando un interessante affioramento di rocce dai riflessi rossastri risalente al Carbonifero- Fossilifero, chiamato “Sorgente Acqua Rossa”. Poco dopo giungeremo sulla strada principale che porterebbe a sx a Villa Magna e a dx a Iano, piccolo e curato borgo che raggiungeremo in poco più di 1 km.

Il cammino sicuramente meno apprezzabile, da effettuare sulla strada asfaltata, sarà ampiamente ripagato dalle curiosità che ci offre questo piccolo paese che si snoda sulla stretta via con le sue casette di sapore medievale, fatte di mattoni e travertino, materiali di cui è ricca la zona.

Infatti tutta l’area intorno a questo borgo dal curioso nome, è stata in passato di estrema importanza dal punto di vista geologico e minerario, come l’attività estrattiva del Cinabro, filoni di Onice, banchi di Travertino, cave di Marmo Verde Serpentino, Terre gialle ecc, che hanno arricchito queste zone fino agli anni ’80.

Uscendo dal paese continueremo nella stessa direzione, per ulteriori 500 metri, facendo attenzione sulla dx al piccolo cartello  sentieristico che ci indica il proseguo del sentiero n4 del nostro anello. Iniziamo da subito a salire lungo stretta carrareccia nel mezzo al bosco recentemente tagliato, percorrendo il versante nordoccidentale del Poggio Spadone (425m),   lambendo Pian delle Querci. Proseguiamo nella solita direzione, sempre stando attenti alla segnaletica ed al numero del percorso (4) e dopo un ulteriore chilometro, oltrepassato un bel castagneto, giungeremo alla strada asfaltata che conduce a San Vivaldo. Volteremo a dx e in poche centinaia di metri saremo alla nostra auto.

sanvivaldo1
sanvivaldo3
 
 

Con un po’ di tempo a disposizione, spostandoci con l’auto per un breve tratto, potremmo visitare San Vivaldo,  un interessante complesso francescano fatto di piccoli templi e cappelle immerse tra  il fitto dei boschi,  dove la natura, la storia e la religione conservano antichi e mistici equilibri. Il sito riconosciuto monumento nazionale, è chiamato  “Gerusalemme di Toscana” perché riproduce in scala ridotta e con la stessa ubicazione astrale, i luoghi della Città Santa e della passione di Cristo, come ci ricordano i bei bassorilievi in terracotta policroma all’interno di ogni cappella. Tutto è sorto nel IV°secolo, nei luoghi dove il beato Vivaldo Stricchi da San Gimignano, visse una vita da eremita e di preghiera rifugiato all’interno del tronco di un grande castagno. Dopo la sua morte infatti, nel posto del grande castagno, venne costruita una chiesetta che passò ai frati Francescani, i quali nel 1497 con l’aiuto della popolazione, edificarono un monastero. In seguito, dal 1500 al 1515 venne realizzato il “Sacro Monte” che contava una trentina di piccole cappelle. Oggi ne rimangono 17 e possono essere visitate, godendoci questi luoghi che sanno regalarci la serenità e la tranquillità di un’esperienza unica. 

sanvivaldo2sanvivaldo4

 

 

 

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

Categorie Itinerari  

trek notturni
risalite easy
ciaspole altri-luoghi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.