INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

 

biancospino                 Nome scientifico:

CRATAEGUS MONOGYNA CRATAEGUS OXYACANTHA

      Nome comune:

BIANCOSPINO

        greca-fiori
      Famiglia: Rosaceae
      Fioritura: Aprile-Maggio;
      Frutti:     Ottobre  
      Habitat: Si trova dovunque nei luoghi incolti, siepi, macchie, radure dei boschi e arbusteti. Diffuso in tutta Italia fino a 1500metri.  
                     

Descrizione:                    

 

Esistono due specie di biancospino, molto simili e solo dopo un'attenta osservazione si possono distinguere l'una dall'altra. La varietà "Oxyacantha" è meno diffusa della "Monogyna" e si differenzia per i lobi delle foglie irregolarmente seghettati e molto meno frastagliati, dai fiori che portano 2-3 stili e dai frutti che contengono 2 semi e si presentano un po’ più rotondeggianti dell'altra varietà. 

Il Biancospino è una pianta molto ramificata, con rametti spinosi, che si presenta normalmente come un arbusto, ma talvolta raggiunge le dimensioni di un albero. E’ molto robusto e può vivere anche per diversi secoli. Infatti il suo nome che deriva dal greco “Kràtaigos” vuol dire forza e robustezza.

In passato veniva piantata al bordo dei campi per formare una barriera che potesse delimitare i confini e proteggere le proprietà dei terreni. 

 

Le foglie sono caduche, con picciolo corto e la base a forma di cuneo, incise in 3-5 lobi e molto frastagliate specialmente nella varietà "Monogyna". 

I fiori, di colore bianco, sono raggruppati in corimbi, portati da corti peduncoli spesso ricoperti di lanugine. Hanno 5 sepali triangolari e 5 petali bianchi. Al centro della corolla si evidenziano numerosi stami e antere di colore rossastro.  

I frutti, in realtà sono falsi frutti; hanno forma ovale, di color rosso-bruno a maturazione e contengono, nella  polpa, il loro  vero frutto con 1-2 noccioli. 

 

Il Biancospino è un potente tonico cardiaco, antispasmodico, in grado di regolare la circolazione sanguigna agendo sui vasi e sul muscolo del cuore. Corregge l'ipertensione e l'aritmia e può essere d'aiuto per l'arteriosclerosi, per l'angoscia, l'insonnia e le vertigini.

Si usano gli infusi di fiori, dal sapore delizioso per le proprietà sedative, ipotensive e vasodilatatorie. L'infuso di frutti,invece ha proprietà astringenti.Con la corteccia dei rami, con i fiori e i frutti, si possono fare decotti da utilizzare per uso esterno, utili come antinfiammatori delle mucose della bocca e delle gengive.Viene usato anche nella preparazione di prodotti cosmetici per tonicizzare la pelle grassa.          

 …..Per ottenere un ottimo sciroppo dissetante basta mettere in infusione una manciata di fiori in ½ litro di acqua bollente per mezz’ora. Dopo aver filtrato , rimettere a bollire per altri 2 minuti circa, mescolando. Diluendone qualche cucchiaio in un bicchiere di acqua fredda si otterrà una bevanda, non solo molto gradevole, ma in grado di calmare la sete.

 

 

   biancospino-1
 
 
   biancospino-3
 
  biancospino-4

 
            
 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Calendario Eventi  

Dicembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.