INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Caprifoglio

Dettagli
.        

caprifoglio-000 Nome scientifico: 

LONICERA CAPRIFOLIUM

Nome comune: 

CAPRIFOGLIO

       greca-fiori
       Famiglia: Caprifoliaceae
       Fioritura: Maggio-Luglio
       Habitat:     siepi e cespugli, bordi di strade e nei boschi di latifoglie. Fino a 1200 m. Predilige suoli calcarei. Non è presente in Valle d’Aosta, Sicilia e Sardegna.
     
       

Descrizione:                    

caprifoglio-001

 

Pianta legnosa a portamento cespuglioso che tende a strisciare o ad attorcigliarsi agli arbusti vicini. Può essere assai longeva e raggiungere notevoli altezze, anche fino a 5 metri.

 

Le foglie, lunghe fino a 6 cm, sono caduche, leggermente coriacee, di forma ellittica-ovata, disposte a 2 a 2 in maniera alterna. Quelle superiori che portano i fiori, si presentano saldate alla base come a formare un’unica foglia a coppetta, attraversata nel centro dal fusto. Il loro colore è verde brillante vellutato tendente al bluastro nella parte inferiore.

 

L’infiorescenza si forma in prossimità dell’ascella delle foglie agli estremi dei rami e raggruppa circa 6 fiori privi di picciolo disposti a fascetti. Molto profumati, sono di color bianco crema o giallastri con sfumature rosse all’esterno. La parte inferiore della corolla è un tubo campanulato lungo 3-4 cm, formato da 4 petali saldati insieme, di cui il superiore suddiviso in 4 parti ripiegate indietro, mentre il lobo inferiore è indiviso e girato su sé stesso. I 5 stami sporgenti e biancastri conferiscono eleganza al  fiore.

 

Il frutto è una bacca succosa arancio-rossastra con piccoli semi discoidi all’interno molto tossici per la presenza di alcaloidi.

 

La pianta del Caprifoglio non sfuggì all’attenzione degli erboristi del passato che ne usavano i fiori in pozioni contro l’allergia, il mal di testa e l’asma. I decotti di foglie invece, venivano usati come antinfiammatorio, antisettico e venivano applicati su stomatiti, foruncoli e ferite.

Oggi la pianta è utilizzata nei “rimedi di Bach” e il suo olio essenziale in aromaterapia.

 

Fin dall’antichità il Caprifoglio è simbolo di legame d’amore e di buon auspicio per i giovani sposi.

 

Il termine “Lonicera” venne coniato nel 1753 da Linneo, che adattò al latino, il cognome del medico Adam Lonitzer (1528-1586), vissuto a Francoforte e appassionato di botanica. Il nome “Caprifolium”, che si compone delle parole latine “Capra e Folium”, è riferito al fatto che le capre amano brucare le foglie di questa di pianta.

 

 

 

            caprifoglio-002
 
 
  caprifoglio 003
 
  caprifoglio 005

 
            
 

 

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fiori per colore  

 Identificazione e classificazione
secondo 5 colori principali

fiori bianchi fiori blu fiori gialli
fiori rossi fioei vrdi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.