INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Cicerbita

Dettagli

 

mosciolo1                 Nome scientifico: SONCHUS OLERACEUS
       Nome comune: CICERBITA - MOSCIOLO - CRESPINO
        greca-fiori
       Famiglia: Compositae - Asteraceae 
       Fioritura: Marzo-Ottobre / Raccolta: fine inverno e primavera 
       Habitat:     Comune nei luoghi coltivati, al margine dei campi e viottoli, su tutti i tipi di terreno, fino a 1700m. 
     
       

Descrizione:                    

moscioloPianta erbacea, annuale o biennale,  che può raggiungere anche 1 metro di altezza. Il suo fusto è cavo, ramoso, fin dal basso, con foglie di fragile consistenza, ma piuttosto spinose, di varie tonalità di verde, fino al rossastro, secondo l'habitat. Se spezzato emette un latice biancastro.

 

Le foglie che formano la rosetta basale, sono piuttosto rigide e ispide con i bordi frastagliati, increspati con piccoli speroni acuminati. Lungo il fusto, tendono ad essere abbraccianti, più piccole e più ispide, comunque tutte di aspetto estremamente variabile.

I fiori costituiti da capolini ligulati, sono di colore giallo pallido; raccolti in racemi.

I frutti sono piccoli acheni rugosi, con 3/5 striature e pappo piumoso terminale.

 

Ottimo commestibile, questa pianta  si può gustare anche cruda in insalata.  Molto apprezzata in cucina per il suo sapore dolce, è adatta da mescolare con altre erbe spontanee, dal sapore più intenso e più amaro, per innumerevoli preparazioni.

In erboristeria è usata per le sue proprietà aperitive, amaricanti e diuretiche, nonchè immuno-stimolanti.

In passato, le radici di questa pianta venivano torrefatte e usate per sostituire il caffè.

Un tempo si riteneva che le foglie della Cicerbita fossero in grado di rianimare e ridare la forza agli uomini e agli animali.   Plinio il Vecchio, ci tramanda nei suoi scritti, che Teseo, prima di entrare nel leggendario "Labirinto" per uccidere il Minotauro, avesse consumato una pietanza a base di Cicerbita, convinto che gli avrebbe  conferito il coraggio necessario.

 

La parola Cicerbita deriva da "cicer" (cece) per i suoi semi piccoli di colore aranciato che ricordano un pò la forma del cece.

La parola "Oleraceus" , dal latino "oler"=verdura e "aceus"=simile, significava: simile a una verdura da orto. Mentre "sonchus", proviene dal greco col significato di "molle", riferito alle proprietà antinfiammatorie della pianta.

 

 

 

             mosciolo2
 
 
   
 
   
 
            
 
            
 
       
 

 


 

 

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fiori per colore  

 Identificazione e classificazione
secondo 5 colori principali

fiori bianchi fiori blu fiori gialli
fiori rossi fioei vrdi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.