L'anello della Cornata

Queste sono le foto scattate durante il trekking. Scorrendo la pagina verso il basso puoi trovare tutti i principali dati del percorso: lunghezza, dislivello, difficoltà, ecc… Avrai anche la possibilità di scaricare la traccia GPS, scaricare una mappa stampabile, poter leggere una dettagliata descrizione del percorso.
   

anna stefano paolo

7.4 km, n/a

Distanza percorsa:  7,4 km - Dislivello tot.: salita 480 m, discesa 480m

Pendenza: med. 12,5%, max 41,2% - Tempo impiegato:  3:30 h - Difficolta: E

bot mappa  bot traccia


Descrizione

Se si dovesse decidere di salire “più in alto”, quale occasione migliore di farci un bel giro sulla Cornata! La cima più alta di casa nostra, che con i suoi 1060 metri, domina un vasto territorio che spazia dal Golfo di Follonica al panorama Senese. Appr.Cornata

 

Il nostro percorso è costituito dall’immancabile anello, con una lunghezza piuttosto contenuta (7,7km) e un discreto dislivello (di circa 480mt), che ben si adatta ad un’escursione che impegna solo una mezza giornata.

violetrus4Il periodo migliore, ovviamente scegliendo una giornata di buona visibilità, è alla fine del mese di aprile, fino al mese maggio. In questo periodo infatti, oltre alle solite belle vedute panoramiche, vi sono stupende e ricercate fioriture di piante endemiche.

Il punto di partenza del nostro tragitto, come per un altro dei nostri itinerari di questa zona, (Gerfalco - Ritrovoli), sarà partendo proprio da Gerfalco, l’arroccato  borgo di minatori (43°08’47,8”N 10°58’33,7” alt c.a732) che pare tragga il suo nome da lontane origini sassoni.

Parcheggeremo l’auto subito dopo essere entrati in paese, svoltando a sinistra in prossimità della colonia Montana Santa Maria, lungo la strada che porta al podere le Lame.

Una chiara segnalazione di direzione, ci farà imboccare il sentiero dietro a vecchi pollai e orticelli. Da qui subito, il camminamento inizia a salire dolcemente lungo il pietroso tracciato di roccia bianca sul crinale esposto a Sud-Est.

Mano a mano che si sale, volgendo lo sguardo si scorge la sagoma del piccolo borgo e si può notare ed apprezzare la vegetazione che per lo più è costituta da boschi di caducifoglie, con Carpino Nero e Bianco, Roverella, Orniello e Leccio, insieme a piccoli arbusteti, che sfidano la dura roccia e ne ricoprono parzialmente il versante che stiamo risalendo. Gli ampi spazi pietrosi lasciati liberi dagli alberi, sono colonizzati da una grande varietà di fiori e piante erbacee, che proprio in primavera esplodono in una tavolozza di colori, dalle Fragoline Selvatiche, a svariate specie di Orchidee, fino ad arrivare alla tipica Violetta Etrusca, al Narciso Montano e alle fioriture di Alisso, vere e proprie rarità che fanno parte di una flora unica e conosciuta da pochi.

Presi dall’osservare questa varietà di piante, sprecandosi in mille scatti che inevitabilmente rallentano il nostro cammino, quasi non ci accorgiamo della costante ascesa, che in 3km ci fa salire di  circa 350mt.

panorama3In prossimità della cima, le vedute si fanno più ampie e affacciandosi dalle bianche rocce,  possiamo tirare il fiato e cercare di orientarci nelle vaste vedute all’orizzonte. Prima della vetta, ci accompagnano i bei costoni calcarei, che con il loro bagliore chiaro, danno più che mai risalto alle belle e colorate fioriture.

Vicini alla cima, attraverseremo boschetti di alte conifere che danno ancor di più la sensazione di essere in luogo diverso dal precedente, sicuramente più ombreggiato e fresco. In uno dei punti  più alti, facciamo il primo incontro con i curiosi “ometti” di pietra e ancora più in giù, all’inizio della discesa dell’altro versante, avremmo modo di trovarne altri, ancora più grandi. Questi strani coni di pietre minuziosamente accumulate, sono chiamati “Cairns”, da una parola di origine celtica.  Vogliono semplicemente essere segnalatori di vetta, di territorio, o segnavia ecologici, ricercati e studiati in tutto il mondo, da geografi e antropologi, perché il loro utilizzo si perde fin dal Neolitico!

La discesa del versante Ovest si presenta molto più ripida e assai meno interessante, con una  vegetazione più fitta e più comune.  In poco più di un chilometro, raggiungeremo la stessa quota della partenza e in brevissimo tempo ci troveremo al di sopra della grande cava di “Rosso Ammonitico” detto anche “Marmo Rosso” che è servito per la pavimentazione e l’abbellimento del Duomo di Siena. Continuando ancora la discesa, che da questo punto si fa un po’ più dolce e meno impervia, costeggeremo il reticolo di una stazione per il rilevamento sismico, per poi subito dopo oltrepassare ed ignorare l’incrocio con il sentiero n°11 (detto  “Viottolo dei Selciaini”),  diretto verso il Poggio dei Coltelli e Ritrovoli. Appr. Rosso ammonitico

Camminando ancora lungo il tracciato, divenuto ora una vera e propria carrareccia, scendiamo ancora fino a Campo alle Rose (quota 758 mt circa), dove antichi ruderi di edifici fanno mostra di se’ nel bel mezzo di una vecchia grande cava di Calcare Massiccio, chiamata “Cava di Romano”.

Dopo le fatiche della grande salita e della ripida discesa, ci incammineremo ora per la larga e comodissima strada  di ghiaia bianca, che in assenza di dislivello ci farà costeggiare tutta la base meridionale del monte, passando nei pressi della singolare “Cappella dell’Avveduta”.

Oltrepassando la piccola chiesa di 300 metri, sulla nostra sx troveremo l’imbocco di una stradina secondaria che si dirige di nuovo in direzione del monte (43°08’53,8”N 10°57’47,3” E alt. 784 mt circa), che attraversando un’ombrosa abetaia impiantata, ci ricondurrà in seguito, ancora con un pò di dislivello, ad intercettare il viottolo percorso all’inizio, provenienti dal paese. Ovviamente all’intersezione, dovremmo svoltare a dx verso valle e in circa 850mt  saremmo di nuovo al punto di partenza.

Se il tempo a disposizione ce lo permetterà, potremmo fare anche un piccolo giretto nel vecchio paese, curiosando tra strette viuzze e ripide scalinate. Cercando di  immaginare  come un tempo questi luoghi, oggi così deserti, fossero tanto importanti e conosciuti al centro dell’attenzione per la ricerca mineraria dell’argento. Appr.Gerfalco

 

L'anello della Cornata

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

Categorie Itinerari  

trek notturni
risalite easy
ciaspole altri-luoghi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.