• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
approf

Seguici su facebook

Fiori per colore

 Identificazione e classificazione secondo 5 colori principali

fiori bianchi1 fiori blu1 fiori rossi1 fiori gialli1 fioei vrdi1

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

cdg b biancospino 002
cdg f arisaro comune 001   Nome scientifico: ARISARUM VULGARE
  Nome comune: ARISARO COMUNE
  Famiglia: Araceae
  Fioritura: Settembre-Maggio
  Habitat: Margini di incolti, suoli ombreggiati ricchi di humus. Dalla Liguria e Toscana, all'Abruzzo e nel resto dell'Italia Merid. Fino a 800 metri


Descrizione

cdg-f-arisaro-comune dis

Piccola pianta erbacea perenne alta fino a 30 cm provvista di un tubero cilindrico-ovoidale dal quale si generano le foglie e i fiori.

Le foglie si presentano un po' carnose, cuoriformi-astate, di color verde lucido talvolta ornato di macchie porpora. Sono portate da un lungo picciolo.

Anche l'infiorescenza è sorretta da un lungo stelo alto fino a 20 cm, al cui apice si trova una curiosa struttura floreale consistente in un involucro (spata) a forma di cappuccio lungo 3-5 cm di colore verde giallastro ornato di striature purpuree longitudinali. Questa curiosa  infiorecsenza termina con una apertura frontale da cui sporge uno spadice leggermente clavato, alla cui base sono disposti i fiori femminili e in numero maggiore, quelli maschili posti nella parte sovrastante.

Il frutto è una bacca liscia che contiene da 2 a 6 semini chiari.

La fioritura di questa pianta ha un periodo molto prolungato, che inizia in autunno e si protrae fino alla primavera dell'anno successivo.

Anticamente, in alcune zone della Toscana veniva preparato un decotto di foglie di Arisaro per le sue proprietà antireumatiche, anche se tutte le parti di questa pianta sono tossiche. E' comunque molto ricercato dai cinghiali  che sono golosi dei suoi tuberi.  

Il nome "Arisarum" deriva dal termine greco "Arìsar/on", già usato da Discoride per indicare le piante con bulbo a forma di oliva.   

La pianta è stata classificata nel 1700, dal medico naturalista  toscano Giovanni  Targioni Tozzetti, in una pubblicazione conservata presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze.    

  cdg f arisaro comune 002
  cdg f arisaro comune 003
   

 

Arisaro Comune -- Arisarum Vulgare