• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
approf

Seguici su facebook

Fiori per colore

 Identificazione e classificazione secondo 5 colori principali

fiori bianchi1 fiori blu1 fiori rossi1 fiori gialli1 fioei vrdi1

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

cdg b biancospino 002
cdg r arabetta maggiore 001   Nome scientifico: ARABIS TURRITA
  Nome comune: ARABETTA MAGGIORE
  Famiglia: Brassicaceae
  Fioritura: Marzo-Giugno
  Habitat: Pendii rupestri e sassosi, bordi di viottoli e di boschi, su terreni calcarei da 300 a 1000m. Assente in Sardegna, rara lungo le coste.


Descrizione

cdg-r-arabetta-maggiore dis

Pianta erbacea perenne rizomatosa, talvolta annuale o biennale.  Può essere alta da 10 a 90 cm, ricoperta di piccoli peli stellati.

Il suo fusto si presenta piuttosto eretto, con ramificazioni prevalentemente concentrate in alto. Le foglie sono vellutate, quelle basali riunite in rosetta, hanno forma ovato-lanceolata, talvolta appena dentate ai bordi.

L'infiorescenza è composta da numerosi piccoli fiori riuniti in racemi fogliosi. La corolla è formata da 4 petali, posti a croce, di colore bianco, con forma spatolata e bordo arrotondato, grandi circa 6-10 mm.

I frutti sono piccole e lunghe silique, ricurve a maturità.

Il nome del genere "Arabis", ricorda la caratteristica di alcune di queste piante, di crescere su terreni secchi, sabbiosi e aridi proprio come i deserti dell'Arabia. L'aggettivo "Turrita", proviene dal latino e significa "simile a una torre", riferito al portamento eretto della pianta.

  cdg r arabetta maggiore 002
   

 

Arabetta maggiore -- Arabis Turrita