• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
approf

Seguici su facebook

Fiori per colore

 Identificazione e classificazione secondo 5 colori principali

fiori bianchi1 fiori blu1 fiori rossi1 fiori gialli1 fioei vrdi1

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

cdg b biancospino 002
adonide 001   Nome scientifico: ADONIS AESTIVALIS
  Nome comune: ADONIDE ESTIVA
  Famiglia: Ranunculaceae
  Fioritura: Maggio-Luglio
  Habitat: bordi di campi di cereali. Predilige suoli calcarei, caldi e asciutti. Fino a 1500 metri.


Descrizione

cdg f adonide dis

Pianta erbacea perenne con robuste radici nerastre, alta da 10 a oltre 50 centimetri. Il suo fusto appare striato, talvolta brunastro e si ramifica nella parte superiore.

Le foglie si trovano raggruppate lungo lo stelo e sono finemente divise, formate da vari elementi sottili, larghi appena 1 millimetro.

L’infiorescenza si trova solitamente al culmine dei fusti e mostra una corolla di un bel colore rosso scarlatto, molto lucido, col centro scuro. E’ formata da 5/8 petali lanceolati, larghi da 2 a 5 cm, con i sepali addossati.

I frutti sono degli acheni posti in una lunga spiga compatta.

La pianta ha un’azione terapeutica simile a quella della Digitale e può essere utile per regolarizzare i battiti cardiaci, ma non è consigliabile l’uso casalingo.

Nelle sue foglie e nelle radici sono contenute sostanze velenose, nei petali invece, vi è una sostanza colorante che veniva usata negli allevamenti di salmone per accentuare il colore delle carni.

L’Adonide era conosciuta fin dall’era del bronzo, ma oggi a causa delle coltivazioni intensive e dell’uso indiscriminato dei diserbanti, è nettamente regredita, tanto da diventare una specie rara e protetta.

Secondo la mitologia greca, avrebbe preso il nome dal bellissimo Adone, ucciso da un cinghiale e trasformato da Afrodite, innamorata di lui, in questo brillante fiore rosso. 

  adonide 002
  adonide 003
  adonide 004
   
   
   

 

Adonide Estiva -- Adonis Aestivalis