• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
approf

Seguici su facebook

Fiori per colore

 Identificazione e classificazione secondo 5 colori principali

fiori bianchi1 fiori blu1 fiori rossi1 fiori gialli1 fioei vrdi1

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

cdg b biancospino 002
cdg f cicoria 001   Nome scientifico: CICHORIUM INTYBUS
  Nome comune: CICORIA - RADICCHIO SELVATICO
  Famiglia: Compositae - Asteraceae
  Fioritura: Estate - Raccolta: da fine inverno fino a prima della fioritura
  Habitat: E' comune nei luoghi erbosi dal mare fino alla montagna.


Descrizione

cdg-f-cicoria dis

E' una pianta perenne con una radice affusolata a fittone, con fusto cavo, eretto e ramoso che può raggiungere anche un metro di altezza.

Le foglie basali della cicoria sono riunite in rosetta, hanno segmenti triangolari acuti, talvolta non dentati color verde scuro spesso con nervatura rossastra: A volte si presentano un pò pelose.

I delicatissimi fiori, formati da ligule dentate al margine sono di un bell'azzurro ceruleo, raccolti in due tre elementi lungo i rami della pianta. Si chiudono in condizioni di tempo avverso o comunque nel pomeriggio e ciò ha ispirato numerose antiche leggende legate al sole.

I frutti sono numerosi piccoli acheni color sabbia un pò ispidi.

Le rosette basali più tenere della cicoria sono molto ricercate e si possono consumare crude in insalata, oppure cotte da sole o con altre erbe, semplicemente condite con olio e limone. Si prestano anche per numerose altre preparazioni: frittate, risotti, sformati ecc.

La cicoria ha proprietà antinfiammatorie, digestive, diuretiche e leggermente sedative. Ritenuta anche un ottimo tonico e depurativo per il fegato, viene inoltre utizzata in decotti, infusi, tinture e anche come cataplasma di foglie per la medicazione delle ulcere della pelle.

Fin dall'antichità veniva usata come pianta medicinale e consumata come pietanza, tanto da essere citata nei papiri egizi, già 4000 anni fa. Mentre in epoca romana veniva addirittura coltivata come verdura.

Nel 1600 il medico padovano Prospero Alpini, introdusse in Italia l'utilizzo delle radici della Cicoria, seccate e tostate, come surrogato del caffè a scopo terapeutico. In seguito in tutta Eropa, dal periodo napoleonico fino ai conflitti bellici mondiali, questa abitudine sostituì addirittura l'uso del caffè stesso. Il nome Cicoria proviene dal greco "Kikhòria-Kikheo" che significa "trovare", la parola "Entubon" corrisponde invece al termine italiano che identifica la moderna "Indivia".

                    



  cdg f cicoria 002
  cdg f cicoria 003
   
   
   
   

Cicoria - Radicchio Selvatico -- Cichorium Intybus