IL CALCEDONIO di POGGIO CASTIGLIONE

calcedonioPrincipalmente l’area che comprende il Poggio di Castiglione fino al Fosso di Malentrata è stata a lungo oggetto di un forte sfruttamento per l’estrazione di vari minerali, primo tra tutti il calcedonio che la rese preziosamente famosa.

Fu infatti il granduca Ferdinando I°de’ Medici che alla fine del XVI° secolo fece aprire in quelle zone alcune cave già conosciute come “Calcedonj di Volterra”. Il calcedonio che veniva estratto veniva inviato al “Granducale Opificio delle Pietre Dure di Firenze”, per essere utilizzato in oggetti artistici, gioielli, nonché tarsie e decori per l’abbellimento di famose chiese e palazzi dell’epoca.

Inoltre, attraverso il porto di Livorno, veniva esportato perfino in India. Il calcedonio di Poggio Castiglione era molto apprezzato per l’elevata durezza e pregevolezza estetica conferita dalla varietà dei colori ricchi di sfumature e lucentezze opaline.

malentrata2Il calcedonio si origina da depositi di soluzioni acquose sature di silice e riveste con masse compatte e microcristalline, cavità e fratture che si aprono nelle rocce ofiolitiche. Prende il suo nome da “Chalkédon” antica città della Bitinia, vicino all’attuale Istambul, conosciuta in tempi lontani per l’estrazione di questo minerale.

 

 

 

LA MAGNESITE di MALENTRATA

malentrataNei primi decenni del 900, fu scoperto un importante giacimento di magnesite alla confluenza dei torrenti Ritasso e Malentrata, ritenuta di ottima qualità anche rispetto a quella che veniva già estratta al Poggio Castiglione.

Si trattava di cave a cielo aperto, ubicate in una difficile posizione, tanto che si presentavano difficoltà per il trasporto del materiale estratto. Vennero così allestiti una serie di piani inclinati, per far scivolare il minerale, collegati a una piccola ferrovia chiamata “Decauville”che con i suoi 700 metri di lunghezza affiancava la riva sinistra del Malentrata per collegarsi alla ferrovia di Villetta.


malentrata3La magnesite (carbonato di magnesio) è un importante minerale delle rocce ignee e sedimentarie che si trova in blocchi e filoni molto duri e compatti di colore bianco, giallastro e grigio, dal quale si ricavavano si pensa che possa derivare dal greco “Manisa” antica città macedone ricca di cave di questa sostanza che veniva usata come disinfettante per l’intestino.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Calendario Eventi  

Agosto 2017
LunMarMerGioVenSabDom
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.