INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Ortica

Dettagli

 

ortica1                 Nome scientifico:

URTICA DIOICA

       Nome comune: ORTICA
       greca-fiori
       Famiglia: Urticaceae
       Fioritura: Da aprile a settembre
       Habitat:     Cresce in tutta Italia, dal mare alle zone alpine in terreni umidi e ricchi di sostanze azotate. Si può trovare negli orti, a ridosso dei muri, tra le macerie. Fino a 2000m. 
     
       

Descrizione:                    

orticaL'ortica è una pianta erbacea perenne, le cui radici striscianti e poco profonde, si diramano facilmente in ampie ramificazioni, da cui si dipartono i fusti.

Questi  sono  eretti a sezione quadrangolare, spesso di colore rossastro e ricoperti di  lunga peluria urticante, possono oltrepassare anche il metro e mezzo di altezza. 

Le foglie lunghe anche oltre i 5 cm, sono opposte; hanno la base a forma di cuore e si restringono progressivamente verso l'apice, portate da un picciolo ben distinto. Appaiono di aspetto ruvido di color verde carico con margine inciso-dentellato e presentano la stessa peluria urticante sulle nervature e su tutta la superficie.

I fiori piccolissimi, di colore verde-giallastro, sono raccolti in spighe ramose; erette quelle maschili e di aspetto più pendulo quelle femminili. Hanno 4 tepali che racchiudono 4 stami nei fiori maschili e l'ovario in quelli femminili.

Il piccolissimo frutto è un achenio di forma ovale, di colore brunastro con un piccolo ciuffetto peloso all'apice.

L'ortica, ritenuta da sempre un'ottima pianta officinale e commestibile, ha un ottimo gusto ed è molto ricercata in cucina. Dopo essere state lessate si possono utilizzare tutte le sue parti, foglie, fiori, radici, per la preparazione di minestre e pietanze, ma può essere gustata anche da sola scottata e condita con olio e limone. Ottima come ripieno per  ravioli o come integrante di frittate e sformati.

Utilizzata fin dall'antichità, è tutt'oggi molto apprezzata in erboristeria e omeopatia per le sue proprietà astringenti, diuretiche, emostatiche e antinfiammatorie.       

E' ricca di principi azotati, aminoacidi, sali minerali, mucillagini, vitamine, oli essenziale che ne fanno un alimento di grande importanza per l'eliminazione di acidi urici e colesterolo. Contiene però anche istamina, acetilcolina e serotonina che possono provocare bruciore e prurito, non appena i suoi peli urticanti entrano in contatto con la nostra cute. Ma una volta cotta, perde totalmente le proprietà urticanti e può essere utilizzata al pari della soia, anche in sostituzione della carne.

Gli utilizzi dell'ortica sono molteplici.Si possono fare decotti per frizionare il cuoio capelluto, per normalizzare grasso e forfora. Dalle sue foglie e dalle radici, si ricavano pigmenti naturali, atossici, che servono per colorare cosmetici, prodotti igienici e liquori.

Macerata a lungo in grandi recipienti coperti, si ottiene un valido antiparassitario per le piante da giardino e da orto.

Questa pianta fin dall'età del bronzo, veniva utilizzata per fare tessuti e corde e  fino al secolo scorso, in Scozia serviva  ancora per tessere tovaglie e lenzuola. Durante la prima guerra mondiale, perfino il verde mimetizzante delle divise dei soldati, era ottenuto con tinture di ortica.

 

Il nome del genere "Urtica" deriva dal latino "Urere"=bruciare, riferito all'irritazione prodotta dal contatto dei suoi peli. Dioica invece fa riferimento al fatto che la pianta porta i fiori maschili e femminili su individui diversi. 

            ortica2
 
 
   

 
   
 
   
 
   
 
   
 

 


 

 

Ortica -- Ortica dioica

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fiori per colore  

 Identificazione e classificazione
secondo 5 colori principali

fiori bianchi fiori blu fiori gialli
fiori rossi fioei vrdi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.