INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Olivo (Ulivo)

Dettagli

 

olivo 001                 Nome scientifico:

OLEA EUROPEA

      Nome comune:

OLIVO (Ulivo)

    greca-fiori
      Famiglia: Oleaceae
      Fioritura: Maggio-Giugno
      Frutti:     Ottobre-Dicembre  
      Habitat: pianta termofila che si adatta a diverse tipologie di terreni, da freschi e ben drenati a grossolani e rocciosi, acidi, calcarei e perfino salini. Fino a 900m. Raro nella Pianura Padana, in Piemonte e in Val d’Aosta. Allo stato spontaneo, come arbusto è un componente della Macchia Mediterranea (Oleastro).  
                     

Descrizione:                    

olivo 002L’Olivo pianta simbolo per eccellenza del Mediterraneo affonda le proprie radici nella storia dell’umanità. E' considerato simbolo non solo di pace, di saggezza e di sapienza, ma anche di sacralità e spiritualità in tutte le religioni, tanto da essere apprezzato  come un dono divino.

Utilizzato da sempre per la produzione dell’olio, ricca risorsa fin dall’antichità soprattutto per uso alimentare e per la conservazione dei prodotti, ma apprezzato anche come coadiuvante nei massaggi, componente di cosmetici e per l’illuminazione delle lanterne.

Sembra che le origini dell’Olivo risalgano a circa 6/7000 anni fa, nei paesi del Mediterraneo Orientale e grazie a Greci, Fenici e Cartaginesi sia giunto successivamente fino a noi.

Veniva considerato una pianta immortale per la capacità di autorigenerarsi dalle sue stesse radici, tanto che gli antichi Egizi lo raffiguravano nei bassorilievi dei loro templi e attribuivano alla dea Osiride il merito di aver insegnato all’uomo l’utilizzo del prezioso olio.

Numerose sono le leggende che la mitologia greca racconta intorno alla pianta dell’Olivo e attribuisce a Mercurio il privilegio di averlo iniziato a coltivare. Allo stesso tempo Atena, dea della Sapienza, protettrice di Atene, avrebbe per prima fatto germogliare da una roccia, una piantina d’Olivo per farne dono agli Ateniesi.

La pianta era talmente tenuta in considerazione dagli antichi Greci, che veniva punito con l’esilio, chiunque ne avesse rubata o danneggiata una. Perfino le devastanti guerre tra Sparta e Atene, risparmiavano sempre le piante d’Olivo, perché considerate sacre.

La tradizione ebraica racconta di tre semi, posti da un angelo tra le labbra di Abramo, sepolto sul Monte Tabor, che avrebbero dato origine a un cipresso, a un cedro e a un olivo. Nella Bibbia un ramoscello d’olivo, simbolo di riappacificazione tra Dio e gli uomini, portato nel becco da una colomba, annunciò a Noè la fine del diluvio. E mille altri ancora sono gli aneddoti, le storie e le leggende che ci legano a questa straordinaria pianta.

Di sicuro sappiamo che nel VII° secolo a.C., gli Etruschi avevano imparato a coltivare l’olivo e ne possedevano estese piantagioni. Più tardi i Romani si specializzarono nella coltivazione di una decina di varietà di Olivo, riuscendo a selezionare  ben 5 gusti diversi di olio a seconda del grado di maturazione e di raccolta del frutto.

Nel 580 a.C. una vera e propria “borsa dell’olio” ne regolamentava il commercio, dove i “Negotiatores Olearii”, trattavano i prezzi secondo la qualità del prodotto. In seguito con la caduta dell’Impero Romano e le successive invasioni barbariche, l’utilizzo dell’olio scomparve, lasciando come conseguenza boschi e terre incolte. Solo nel XII° secolo, grazie ai monaci Benedettini e Cistercensi, venne ripresa la coltivazione dell’Olivo, concentrando grandi piantagioni nella Puglia e nell’Italia Meridionale. Nel 1400 alcune agevolazioni previste dal governo mediceo, riportarono la diffusione dell’Olivo in grandi coltivi in tutta la Toscana e l’olio italiano venne conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

 

L’Olivo è una pianta sempreverde di medie dimensioni, alto circa 15 metri. Ha chioma ovale, lassa, color verde argentato, con i rami fruttiferi piuttosto penduli secondo la varietà e necessita di potature annuali per ottenere una maggior produzione di olive da olio.

E’ una pianta molto longeva, che in condizioni favorevoli può raggiungere i mille anni, per il fatto che può emettere sempre nuovi polloni dall’apparato ipogeo detto “ceppaia”. Nei primi tre anni di vita l’olivo emette dei fittoni, che si trasformano in seguito in radici piuttosto superficiali, che pur non superando un metro di profondità, garantiscono alla pianta un’ottima presa anche nei terreni più rocciosi. 

Il tronco è eretto, sinuoso e nodoso spesso cavo e contorto, diviso con l'età.

Le foglie sono lunghe 5-8 cm, opposte, di forma lanceolata con la superficie superiore color verde glauco, mentre l’inferiore è ricoperta da una caratteristica peluria stellata di color argenteo, che protegge la pianta dall’eccessiva traspirazione, durante la stagione siccitosa.

I fiori sono ermafroditi, piccolissimi, formati da un calice di 4 sepali e una corolla con 4 petali color bianco crema. Sono riuniti in grappoli (di 10-15 fiori), chiamati “Mignole”, emessi dai rametti dell’anno precedente.

I frutti sono le olive, drupe ovali carnose lunghe fino a 3 cm, dalla cui polpa si estrae l’olio (a differenza degli altri oli che vengono estratti dai semi). La buccia dell’oliva varia da un colore verde chiaro, al violaceo, al nero a seconda dei cultivar e del grado di maturazione. Oltre che per l’estrazione dell’olio, i frutti possono essere utilizzati nell’alimentazione, opportunamente conservati. Il seme contenuto all’interno dell’oliva ha un guscio esterno ruvido e legnoso, di colore marrone.

Il legno è giallastro, profumato e resistente, molto apprezzato perché forma piacevoli venature e ondulazioni di colore, adatto per la realizzazione di piccoli utensili. È anche un ottimo combustibile.

L’origine dell’Olivo è controversa. Per alcuni potrebbe derivare dall’olivo selvatico (Oleastro); viceversa sarebbe quest’ultimo, proveniente dagli olivi coltivati, che si sarebbe inselvatichito.

Come rimedio fitoterapico, l’Olivo è apprezzato per le sue proprietà antisettiche, ipotensive, lassative, emollienti che possiamo ritrovare direttamente nel suo olio, usato anche nella preparazione di saponi e creme per la pelle.

Le foglie contengono “Uleuropeina”, potente antiossidante che rafforza le ossa, l’apparato immunitario e sembra perfino in grado di inibire le cellule tumorali. Si può preparare un decotto di foglie per abbassare la pressione e la glicemia, ma da utilizzare con le dovute cautele!

Con i semi delle olive vengono confezionati particolari cuscini anticervicale, mentre con l’acqua della spremitura delle olive è possibile elaborare una sostanza ecologica simile alla plastica.

Il nome della pianta proviene dalla parola latina “Ulivum” a sua volta dal greco arcaico “Elaion-Oléia” col significato di luce o lampada.

I nemici dell’Olivo, oltre la rigidità del clima e le forti gelate che possono provocare la morte della parte aerea della pianta, sono soprattutto le “mosche olearie” , le cui larve minano l’oliva fino a distruggere intere produzioni.

Nei millenni l’olivicoltura ha subito cambiamenti sostanziali e insieme all’olio si è diffusa nel mondo una particolare educazione alimentare, frutto della saggezza e dell’esperienza di 6000 anni, che la scienza moderna ha riscoperto come “Dieta Mediterranea”.

  olivo 003
 
 
  olivo 004
 
  olivo 005
 
  olivo 006
 

 

Olivo (Ulivo) -- Olea europea

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.