Il piccolo Santuario della Madonna della Casa di Anna Moratti 

 

madonna della casaNella zona che va da Lanciaia a San Dalmazio, sono ancora visibili chiesette, cappelle e ruderi di edicole stradali, risalenti al XVI° e XVII° secolo, che testimoniano quanto fosse sentito in queste zone, il culto della Venerazione Mariana.
In una di queste edicole, situata nei possedimenti terrieri della famiglia Baroni, vi era raffigurata un’immagine di una Madonna col Bambino in braccio e un Santo in preghiera, a cui venne attribuito un evento miracoloso.

Fu nel 1727 infatti, che Giovanni Antonio Baroni proprietario del podere “La Casa”, intento alla potatura di una robusta quercia, stava per essere vittima di una rovinosa caduta, ma proprio in quell’istante, invocando in aiuto l'immagine della Madonna a cui tante volte aveva rivolto le sue preghiere nella piccola edicola, miracolosamente si salvò. Questo evento prodigioso fece sì che la venerazione della Madonna, da parte degli abitanti della zona, diventasse ancora più fervida e la famiglia Baroni fece prontamente costruire una piccola chiesa per testimoniare il miracolo avvenuto. Con una grande cerimonia, venne ufficialmente benedetta e aperta ai fedeli il 20 maggio 1731 e intitolata alla “Madonna della Casa”.
In seguito anche il frate francescano Faustino Brunetti, di San Dalmazio, divenuto ormai quasi cieco, per l’intercessione miracolosa della Madonna, riacquistò la vista.

madonna della casa 001I pellegrini e i benefattori che accorrevano alla Chiesetta della Casa, contribuivano con offerte e donazioni, alla manutenzione dell’edificio stesso. Fu proprio durante alcuni lavori di ampliamento della chiesa, che si vide prodigiosamente scaturire una vena d’acqua, che non solo servì durante tutti i lavori di costruzione, ma fu ritenuta una sorgente miracolosa. Si  racconta infatti, che bagnandosi con quell’acqua, diverse persone avrebbero riacquistato la vista. Un operaio venne guarito da una grave malattia della pelle e tante altre persone avrebbero ricevuto delle grazie, come testimonia una lapide murata proprio sopra la pozza d'acqua, all'esterno della chiesetta e firmata da frate Brunetti.
Nei secoli successivi, il Santuario della Casa fu meta di pellegrinaggi, visite di vescovi, feste solenni e celebrazioni di matrimoni, nonché ritrovo di preghiera, di scampagnate e di mercati.
Purtroppo nel 1980, il piccolo Santuario è stato depredato dai ladri che hanno asportato alcuni arredi e diversi ex-voto, che testimoniavano la fede e la gratitudine della popolazione verso la loro Madonna miracolosa.  Fu anche rubato l’antico dipinto originale in tela che raffigurava la Madonna, opera nel 1728 di Emilio Bambagi. Al suo posto, il francescano Paolo Bocci, di Pomarance, apprezzato pittore  e storico, ha donato un quadro, già realizzato in precedenza come ex voto, che raffigura un’immagine della Madonna della Casa, ripresa da un’antica incisione.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.