INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   
.        

pero-selvatico-2 Nome scientifico: 

PYRUS PYRASTER

Nome comune: 

PERO SELVATICO – PERASTRO

       greca-fiori
       Famiglia: Rosaceae
       Fioritura: Aprile-Maggio -- Frutti: Settembre-Ottobre
       Habitat:     boschi di latifoglie, terreni umidi ricchi di nutrimento. Clima temperato, fino a 1400 m.
     
       

Descrizione:                    

pero-selvatico-3 Arbusto con chioma globosa e rami induriti, spinosi all’apice, alto solitamente 3-4 metri, ma che in condizioni ottimali può superare un’altezza di 10 m.

 

Il tronco è eretto con corteccia grigio-brunastra, finemente fessurata in piccole scaglie quadrangolari.

 

Le foglie decidue, sono alterne, più o meno ovali-rotondeggianti, con apice appuntito (3-7 cm) e margine finemente dentellato. Hanno consistenza coriacea, di colore verde lucido, portate da un lungo peduncolo.

 

I fiori sono riuniti in infiorescenze ombrelliformi, formate da 3-9 elementi.

La corolla ha 5 petali candidi, di forma sub-rotonda e numerosi lunghi stami biancastri, con antere porporine.

 

I frutti che crescono sui rami corti dell’anno precedente, si presentano come piccoli pomi piriformi- rotondeggianti (2-5cm) color giallo-marrone, portati da un lungo picciolo. La polpa, piuttosto dura e astringente, è commestibile e diventa più morbida e dolciastra a completa maturazione, solo dopo la caduta spontanea del frutto, diventato ormai marrone.

Le piccole pere sono ricche di fibre, digestive e stimolanti del transito intestinale. In passato venivano usate anche le foglie del Perastro, dalle quali si ottenevano colorazioni di tonalità gialle per tingere stoffe e lane. Il legno fine e compatto, dovuto al lento accrescimento della pianta, serviva per fare righe e squadre e piccoli lavori di intarsio.

 

Il Perastro, progenitore delle varietà coltivate, nella mitologia greca era consacrato alla Luna e alla dea Era, la cui statua venne scolpita proprio con il legno di questa pianta.

 

Il suo nome deriva dalla parola greca Pyr, Pyròs= fuoco, probabilmente per descrivere il colore marrone-bruciato dei suoi frutti. Communis,invece si riferisce all’abbondante diffusione della pianta.

Piccole pere ricoperte di caramello e infilate in un elegante bastoncino, nel 1700, si vendevano all’aperto e venivano definiti “dolci da passeggio”.

            pero-selvatico-4
 
 
  pero selvatico 5
 
  pero-selvatico-6

 
            
 

 

 Pero selvatico -- Pyrus pyraster

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.