imm titolo s m

01020304050607080910111213141516geotermia1geotermia2geotermia3geotermia4

camera Guarda il fotoalbum completo   download Scarica traccia GPS   icon google Trova indicazioni stradali per arrivare al punto di partenza clicca qui   PDF - Mappa IGM con traccia percorso
Località di partenza:

Croce al Masso 430 mt

Località di arrivo:
Guadagno elevazione 450
Quota massima: 470
Pendenza media: 10.3%
Pendenza massima: 37.0%
Lunghezza percorso: 9 Km
Tempo impiegato: 3h 30'
Difficoltà: E
Punti di appoggio: Nessuno
Rifornimento di acqua: Non ci sono
Sequenza dei sentieri:

Anello Montecerboli, San Michele alle Formiche, Montecerboli  

                             Ripercorso il 26 dicembre 2016

 

Descrizione itinerario

 

Giunti al paese di Montecerboli, si può parcheggiare nello spiazzo antistante la piccola pineta che si trova alla base del Poggio della Marruca vicino all’ingresso nord del paese. Il nostro percorso parte proprio da questa area, chiamata 'Croce del Masso', tanto cara e apprezzata dagli abitanti del paese, dove da generazioni si riuniscono anziani e bambini per passeggiare, giocare e far merende. Nei pressi della piccola pineta in passato,  era presente una piccola sorgente, chiamata “Fonte di Beppone” punto di approvvigionamento d'acqua per gli abitanti del paese.

Si imbocca la vecchia strada dei “Gabbri”, resa fruibile in occasione della realizzazione del nuovo vapordotto che la costeggia. La percorreremo per poco meno di un chilometro per rrivare alla Strada Statale, che attraverseremo per entrare  nella pineta sottostante. Continuiamo su una vecchia carrareccia, voltando a destra alla prima deviazione che incontriamo, entrando dentro a un giovane bosco di macchia mediterranea. Superiamo il piccolo corso d'acqua  del Radicagnoli e iniziamo a salire tenendoci sulla destra a una nuova deviazione. Dopo qualche centinaio di metri attraversando un altro piccolo fossato, ci troveremo nel vecchio circuito di San Michele riportato anche sulle carte turistiche.
Saliamo sulla sinistra lungo un sentiero dritto e arriviamo all’ imbocco di una vecchia miniera di rame,(una delle tante della zona) utilizzata intorno alla seconda metà del 1800 e ormai riadattata come abbeveratoio per le pecore.
Saliamo ancora fino alla strada poderale che porta a 'Casa Taucci' che percorriamo per qualche metro per poi raggiungere sulla destra una ripida salita che conduce a una piccola area attrezzata che ci consentirà una sosta e un meritato riposo.
Imboccando il  sentiero a fianco dell’area picnic, raggiungeremo il “Poggio di Spartacciano” (469 mt liv.mare) dove sorgono i resti dell'antico eremo di San Michele dell'anno1300, da dove si gode uno splendido panorama su tutta la zona. (Approf.)
Discenderemo di nuovo fino al piazzaletto, imboccando sulla destra un sentiero  che ci porterà a una vecchia strada per immergerci in un fitto bosco ed attraversare il lato est del ”Poggio di Sticciano”,  che guarda la Statale. Ci ritroveremo quindi al quadrivio da dove siamo entrati nell’anello e svolteremo a sinistra, per arrivare dopo poche centinaia di metri, ai ruderi delle Terme di San Michele, apprezzato bagno termale fin dal 1500. (Approf.)
Salendo per la vecchia strada di accesso alle terme, è d'obbligo una sosta al 'Pozzo della Campana', un profondo tonfo d'acqua limpida a cui è legata una curiosa leggenda. Si narra che una campana staccatasi dal campanile della badia dell'eremo, fosse rotolata giù per la collina fino alla vallata del torrente Radicagnoli.  La forza dell'urto avrebbe scavato un profondo pozzo nella roccia di serpentino che ben presto si riempì d'acqua e dal quale a volte sembra ancora di sentire dei rintocchi lontani risuonare nella valle.
Risaliamo di nuovo fino alla Strada Statale, deviando per qualche centinaio di metri più in basso, per poter ammirare una suggestiva e poco conosciuta cascata del Radicagnoli, con un salto d'acqua tra i più alti di tutta la zona. (Ci limitiamo solo a fotografarla da una certa distanza, perché raggiungerla potrebbe essere assai pericoloso).
Torniamo di nuovo alla Statale e la attraversiamo in prossimità della “Madonnina dei Gabbri”, una piccola edicola circondata in primavera da fioriture di cisti e euforbia spinosa che trovano il loro habitat  sulle rocce ofiolitiche di tutta la zona dei Gabbri. Seguiamo la vecchia strada che passa vicino ad uno dei tanti pozzi geotermici, ora utilizzato per la reiniezione di acqua reflua.
Ancora più avanti, nei pressi di una cava di serpetinite, costeggiamo sulla destra la rinnovata centrale geotermica del Gabbro, passando proprio sotto l’imponente struttura di uno dei torrioni refrigeranti, che caratterizzano la zona boracifera. (La Centrale “Nuovo Gabbro” è stata tra tutte le centrali geotermiche, la prima in assoluto ad essere telecomandata a distanza).
Ritroviamo ancora la Strada Statale in prossimità del vapordotto sulla nostra sinistra, imbocchiamo il sentiero sotto il vapordotto stesso, che ci porterà alla vecchia strada, dove percorreremo gli ultimi 700 metri del nostro itinerario ritornando al luogo di partenza.



(Approfondimenti)

 

BAGNO DI SAN MICHELE

 

A pochi km dall'abitato di Montecerboli, nella suggestiva valle scavata dal piccolo torrente Radicagnoli, nascosto tra le rocce di gabbro, si trova il “Bagno di San Michele” o di “Spartacciano” apprezzato sito termale già conosciuto in età romana. Le prime notizie documentate risalgono al 1512, quando questo luogo era meta di lebbrosi e sofferenti di malattie artritiche, per lo più persone di modeste condizioni economiche che non potevano permettersi le raffinate strutture di Bagno a Morba (presso l'odierna Larderello). A tale scopo venne ampliata e modificata la piccola struttura già esistente in San Michele, che in seguito subì nel tempo altre modifiche, fino alle ultime ai primi dell'800 ad opera di F.De Larderel conte di Montecerboli. La struttura purtroppo cadde in rovina e in disuso nel XIX secolo. Resta ancora visibile il rudere dell'edificio della parte residenziale e un originalissimo ponte a 3 campate asimmetriche digradanti che veniva utilizzato per passare dalle stanze degli ospiti direttamente alle vasche termali e alla piscina, situate oltre il torrente. Ancora oggi, è visibile una piscina a gradini contenente acqua termale.

Le appezzate acque carbonato-solforose delle terme di San Michele, scaturivano da tre distinte sorgenti dalla temperatura variabile da 34° a 51° ed avevano virtù terapeutiche per la cura dei dolori, paralisi, piaghe e malattie della pelle. La sorgente dell'Acqua della Rogna, sulfurea a 34°; la sorgente detta di "San Giuseppe" inodore e insapore con i suoi 44° e una sorgente con odore di idrogeno solforato che sgorgava a 51°. 

 

 

  MONASTERO DI SAN MICHELE ALLE FORMICHE

 

Sul “Poggio di Spartacciano” che sovrasta il bagno di San Michele, si possono vedere i resti di un antico eremo dei monaci Celestini, costruito nel 1377 per il ritiro spirituale e la preghiera. La struttura del monastero è ridotta poco più che a resti di mura che lasciano intravedere appena le linee della vecchia chiesa. Il Monastero viene chiamato “San Michele alle Formiche”, perchè si racconta che ogni anno, intorno al 29 settembre (giorno di San Michele), sciami di formiche alate si riunissero intorno alla campana della chiesetta per morire nei giorni successivi. Nel XVIII secolo la piccola campana venne collocata sulla Torre del Marzocco a Pomarance e la tradizione popolare vuole che ogni anno, verso la fine del mese di settembre, file e sciami di formiche alate ritornino a visitare la campana come per volerla riportare sul poggio di Spartacciano, alla loro piccola badia.

 

 

......QUALCOSA SU MONTECERBOLI

 

Su un piccolo sperone di gabbro alla sinistra del torrente Possera, che domina la “Valle del Diavolo” sorge il borgo  di Montecerboli. Un documento del 1003 attesta la presenza di un castello, dominato dalla chiesa dedicata a San Cerbone racchiuso da una cinta muraria con unico portale di accesso al piccolo borgo, che per secoli fu oggetto di continue contese tra i Vescovi di Volterra e il Comune. Dove oggi sorge Larderello, una volta vi erano i “Lagoni di Montecerboli”, un fenomeno di origine vulcanica che dava luogo ad emissioni di sbuffi di gas e vapori dal forte odore di zolfo. Forse questa caratteristica ha dato il nome alla “Valle del Diavolo”, che sembra abbia ispirato il sommo Dante Alighieri per descrivere l'”Inferno” della Divina Commedia. Anche il nome “Monte Cerboli” pare abbia riferimenti col Monte dei Cerberi o dei Diavoli.
Nel 1818 l' ingegnere francese, F.J.De Larderel impiantò il primo stabilimento per l'estrazione dell'acido borico a Montecerboli e per questa attività vantaggiosa il granduca di Toscana, Leopoldo II lo nominò Conte di Montecerboli.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

Categorie Itinerari  

trek notturni
risalite easy
ciaspole altri-luoghi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Calendario Eventi  

Ottobre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.