INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Tarassaco

Dettagli

 

tarassaco-1                 Nome scientifico: TARAXACUM OFFICINALE
       Nome comune: TARASSACO (DENTE DI LEONE - SOFFIONE - PISCIACANE)
       greca-fiori
       Famiglia: Asteraceae - Compositae
       Fioritura: Da marzo a novembre
       Habitat:     E' una delle piante più comuni in Italia. Si trova nei prati, nei campi o anche al margine dei muri,fino a 2000 metri.
     
       

Descrizione:                    

 Il Tarassaco è considerata  una pianta infestante, ma sono talmente riconosciute le sue proprietà, che è stata rivalutata fino ad essere sfruttata come "tarassacoterapia". 

 E' una pianta officinale erbacea, provvista di una robusta radice a fittone verticale più o meno cilindrica.

Le foglie sono tutte basali, piuttosto grandi e lunghe, disposte a rosetta, percorse al centro da evidenti nervature. Di forma lanceolata, sono irregolarmente incise, a volte intere o appena dentate, altre con lobi acuti appuntiti, triangolari o falciformi.

I fiori color giallo vivo, sono raccolti in capolini portati da un lungo stelo liscio e cavo all'interno, alto fino a 40 cm. Hanno un involucro formato da una serie di brattee verdi che si incurvano verso l'esterno e verso il basso dopo la fioritura. I fiori hanno ligule gialle, un po' aranciate in quelli periferici.

L'infruttescenza è chiamata "Soffione" ed è formata da un globo di peli, provvisti di "pappo", che  circondano il frutto con lo scopo di agevolare la diffusione dei semi,  trasportati dal vento.

 tarassaco-2Questa pianta è chiamata anche Dente di Leone per la somiglianza dei lobi delle sue foglie netti e appuntiti, che ricordano quelli di un leone.

 Il Tarassaco è forse la pianta terapeutica più diffusa: ricco di oli essenziali, inulina, flavonoidi, vitamina A,B,C e sali minerali, può essere usato come diuretico, lassativo, depurativo e tonico.

 Si possono usare i boccioli da mettere sott'aceto come i capperi. Le foglie giovani crude o cotte, possono essere aggiunte a ricercate insalate depurative. Tutta la rosetta delle sue foglie può essere lessata con altre erbe spontanee e consumata come contorno o nei risotti. Con le radici tostate si può ottenere un buon surrogato del caffè. Il succo della pianta schiarisce la pelle e le lentiggini. E' anche un ottimo depurativo, vitaminizzante e stimolante per le funzioni del fegato, reni e intestino.

 Già nel 1500 erano conosciute le sue virtù e si riteneva che indossando una collana fatta con pezzi delle sue radici, si acquisisse maggiore serenità e sicurezza anche nei rapporti sociali.

La parola "Tarasso" deriva dal greco e significa "Scompigliare".

            tarassaco-4
 
 
   tarassaco-5
 
   tarassaco-3
 
   
 
   
 
   
 

 


 

 

Tarassaco -- Taraxacum officinale

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fiori per colore  

 Identificazione e classificazione
secondo 5 colori principali

fiori bianchi fiori blu fiori gialli
fiori rossi fioei vrdi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.