• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
crocus-biflorus   Nome scientifico: CROCUS BIFLORUS
  Nome comune: CROCO BIFLORO – ZAFFERANO SELVATICO
  Famiglia: Iridaceae
  Fioritura: Gennaio-Aprile
  Habitat: dal mare fino a 1200 m. Predilige boschi luminosi e aperti, pascoli, margini boschivi. Non è presente in Val d'Aosta e in Sardegna.


Descrizione

Il Crocus biflorus è un grazioso endemismo spontaneo dell' Italia, presente in gran parte della Penisola, in maniera sporadica e discontinua.

E' una piccola pianta erbacea perenne, alta 8/10 cm, spesso caratterizzata da un marcato polimorfismo, sia nelle dimensioni che nella colorazione del fiore.

L'apparato radicale è formato da un bulbo che si trova a 3/5 cm di profondità; leggermente schiacciato sui poli, ricoperto di tuniche cartacee marronastre. Nella parte inferiore si trovano ciuffi di sottili radichette biancastre. Dal bulbo si dipartono 2 spate cartacee che avvolgono le foglie e il fiore.

Le foglie sono strettamente lineari, larghe pochi millimetri e  lunghe poco più del fiore. Sono glabre, di color verde scuro, percorse da una linea biancastra longitudinale. Di solito sono presenti al momento della  fioritura.

Il fiore è formato da 6 lacinie ellittiche (larghe circa 1 cm e lunghe fino a 3/ 4), di colore variabile dal bianco, al violaceo, inizialmente saldate tra loro, di cui quelle esterne hanno 3/5 evidenti strisce  violetto scuro. La fauce è gialla e i tre stami e lo stilo sono di color rosso-arancione.

Il frutto è una capsula oblunga formata da 3 valve al cui interno si trovano numerosi semini rotondeggianti.

Anticamente usata per le sue proprietà ipnotiche e sedative, la specie contiene alcaloidi tossici.

Il suo nome si origina dalla parola greca 'krokos' che significa 'filamento', riferito agli stimmi dello zafferano. Biflorus invece, è riferito al fatto che spesso ogni pianta si presenta con 2 fiori.

  crocus-biflorus 002
  crocus-biflorus 003
  crocus-biflorus 004
  crocus-biflorus 005

Croco bifloro – Zafferano zelvatico -- Crocus Biflorus