• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f centauro maggiore 001   Nome scientifico: CENTAURIUM ERYTHRAEA
  Nome comune: CENTAURO MAGGIORE
  Famiglia: Gentianaceae
  Fioritura: Maggio-Settembre
  Habitat: Si trova prevalentemente ai margini dei sentieri, nelle radure boschive, prati aridi e garighe sassose fino a 1500 m.


Descrizione

cdg-f-centauro-maggiore dis

Pianta erbacea termofila, biennale, con fusti eretti che si ramificano verso la metà del gambo, confluenti alla base in una rosetta di foglie che si sviluppano maggiormente durante la fioritura. Può essere alta da 10 a 50cm.

Le foglie di color verde brillante lucido, hanno evidenti nervature. Le basali, di forma lanceolata sono lunghe fino a 5 cm, quelle superiori, sono disposte in coppie opposte allo stelo, sono molto più piccole.

L'infiorescenza è raggruppata in corimbi terminali, appressati.

Il fiore ha il calice allungato in un breve tubo. La corolla ha 5 petali ovali con apice appuntito, lunghi poco più di 1 cm., color rosa pastello intenso, con stami gialli sporgenti.

Il frutto è una capsula cilindrica contenete semi scuri.

Questa pianta vanta un antichissimo uso medicinale; ha proprietà digestive, febbrifughe e antimalariche, simili a quelle della Genziana. In passato veniva usata al posto del chinino, mentre le foglie pestate servivano come cicatrizzante e per disinfettare piaghe e ferite.

Oggi viene usata in erboristeria per curare i disturbi della digestione.

La pianta prende il nome dal centauro Chirone, che ferito al piede da Ercole, si curò utilizzando una poltiglia fatta con le sue foglie. L'epiteto "Erithros" che in greco significa rosso, si riferisce al colore dei suoi graziosi fiori.

 

E' una specie protetta, che colonizza anche gli ambienti ofiolitici delle nostre zone.

 

                    



  cdg f centauro maggiore 002
  cdg f centauro maggiore 003
   cdg f centauro maggiore 004
   cdg f centauro maggiore 005
   
   

Centauro maggiore -- Centaurium erythrea