• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f campanula raperonzolo 001   Nome scientifico: CAMPANULA RAPUNCULUS
  Nome comune: RAPERONZOLO
  Famiglia: Campanulaceae
  Fioritura: Maggio-Settembre
  Habitat: Predilige terreni calcarei di boschi, macchie, radure, vigneti, oliveti, margini di strade e viottoli, fino a 1500 metri. Presente in tutta l’Italia peninsulare. No Sicilia e Sardegna.


Descrizione

cdg-f-campanula-raperonzolo dis

Pianta erbacea biennale con tipica radice a fittone, carnosa, fusiforme, di colore biancastro, lunga fino a 10 cm, simile a quella di una rapa.

Il fusto è eretto sottile, angoloso e ramoso verso l’alto, talvolta lungo anche oltre 1 metro, leggermente peloso.

In primavera viene emessa dalla radice una rosetta di foglie spatolate, lanceolate di color verde chiaro vellutato, portate da lunghi peduncoli. Nella primavera dell’anno successivo la pianta emette un fusto con poche foglie, molto diradate, senza peduncolo, obovate e dentellate.

I fiori, riuniti in pannocchie apicali molto rade, sono portati da un lungo gambo. La graziosa corolla, di forma campanulata, è sorretta da un calice a cinque dentini lineari verdi, lunghi la metà della corolla, divisa in 5 lobi saldati alla base,  che si ripiegano in fuori allargandosi. Sono di colore azzurro-lilla pallido, lunghi un paio di cm.

Il frutto è una capsula eretta divisa in tre sezioni, con semi minutissimi.

La pianta è molto apprezzata in cucina. Si utilizzano le sue radici, crude o cotte, dal sapore dolciastro. Mentre le foglie basali, dal piacevole gusto amarognolo, vengono consumate con altre erbe per frittate, zuppe, sformati e insalate. Con i fiori si possono decorare misticanze e insalate crude.

Nelle radici, nelle foglie e nel fiore, sono contenuti flavonoidi, vitamina C e Sali minerali.

Da sempre nella medicina popolare, venivano usati i fiori per infusi e gargarismi, le foglie per impacchi sulle  verruche e se ne apprezzavano soprattutto le proprietà diuretiche e digestive.

Le radici contenenti ‘inulina’, possono essere consumate anche da chi soffre di diabete.

Il nome scientifico della pianta, proviene dal diminutivo latino della parola ‘campana’, che descrive la forma del fiore, mentre il termine specifico ‘rapunculus’, sempre derivante dal latino ‘rapa’ allude alla forma della radice della pianata.

                    



  cdg f campanula raperonzolo 002
  cdg f campanula raperonzolo 003
  cdg f campanula raperonzolo 004
  cdg f campanula raperonzolo 005
   
   

Raperonzolo -- Campanula rapunculus