• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-erica-multiflora   Nome scientifico: ERICA MULTIFLORA
  Nome comune: ERICA MULTIFLORA (SCOPA ROSSA)
  Famiglia: Ericaceae
  Fioritura: Settembre-Novembre
  Habitat: macchia, sottobosco, garighe, terreni secchi, calcarei. Da 0 a 800m. E’ presente solo nell’Italia Centrale e Meridionale.


Descrizione

cdg f erica multiflora dis

Arbusto perenne sempreverde alto fino a 1 metro e mezzo, con fusti eretti, legnosi e assai ramificati, con corteccia compatta bruno-grigiastra.

Le foglie sono aghiformi, strette, lineari, portate in verticilli di 4-5 elementi. Sono glabre, di color verde lucido, col bordo revoluto che non lascia vedere la parte inferiore.

Sono lunghe 6-11 mm, sorrette da un brevissimo picciolo di appena 1 mm.

I fiori sono raccolti all’apice degli steli in densi racemi. Hanno un corto picciolo (4-6mm), con 3 bratteole inserite a metà. I sepali, ovati lanceolati hanno un apice membranoso di colore rosato.

Anche la corolla è rosa-violacea, più raramente bianca, di forma tubolare-campanulata, con lobi eretti, lunga circa 5mm, da dove sporgono le antere color porpora scuro.

Il frutto è una capsula piccolissima a 4 valve, contenente semi oblunghi. La pianta è anche una buona mellifera; il suo miele è apprezzato soprattutto in calabria e Basilicata, dove la specie abbonda maggiormente.

Il suo nome deriva dalla parola greca ‘Eréiko’ che significa ‘frangere, spaccare sassi’, perché si riteneva che i suoi infusi fossero in grado di spezzare i calcoli della vescica e dei reni. Il termine che la specifica invece, deriva da 2 parole latine: ‘multus e floris=molti e fiori’ per descrivere le sue infiorescenze composte da tanti piccoli fiorellini.

                    



  cdg-f-erica-multiflora 002
  cdg-f-erica-multiflora 004
  cdg-f-erica-multiflora 005

Erica multiflora (Scopa rossa) -- Erica multiflora