• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-erba-limonia_bocca-di-lupo   Nome scientifico: MELITTIS MELISSOPHYLLUM
  Nome comune: ERBA LIMONIA –BOCCA DI LUPO
  Famiglia: Lamiaceae
  Fioritura: Maggio- Agosto
  Habitat: boschi caldi di latifoglie e zone marginali di arbusteti, viottoli e strade a mezzombra. Su substrato calcareo. Fino a 1400m.


Descrizione

Pianta erbacea perenne che profuma delicatamente di limone,  alta tra 30 e 50 cm; tra tutte le Lamiacee è quella con  i fiori più grandi, con radici rizomatose circondate da radichette secondarie.

 

Il fusto è eretto, poco ramoso,  a sezione quadrangolare ricoperto di finissima peluria.

 

Le foglie, su breve picciolo, hanno forma ovale, cordata alla base, disposte lungo il fusto in maniera alterna (larghe circa 5cm, lunghe fino a 9). Leggermente pubescenti, di colore verde chiaro, hanno margine dentato e schiacciandole emettono un gradevole odore di limone.

 

I fiori sono raccolti in fascetti composti da 1 a 5 elementi, che nascono all’ascella delle foglie superiori, disposti in maniera unilaterale, son tutti rivolti dalla stessa parte. Sorretti da peduncolo, hanno il calice verdastro, che diventa marrone quando è secco, di forma campanulata, diviso in 5 sepali concresciuti. La corolla inizialmente a forma tubolare, si apre in 2 labbra molto sviluppate, di cui il superiore, a forma quadrangolare,  è intero o appena diviso, ripiegato in su.  L’inferiore è diviso in tre lobi, di cui il centrale appare più colorato e più grande e smarginato, talvolta chiazzato di rosa, o con disegno porporino. Il loro colore, infatti è variabilissimo, dal rosso cupo, al rosa, fino a fiori completamente sfumati o addirittura bianchi.

 

Il frutto, contenuto in fondo al tubo del calice, è formato da 4 acheni a forma rotondeggiante.La pianta da sempre,  ha riconosciute proprietà curative: vulnerarie, antisettiche, diuretiche, sedative, antispasmodiche.  Per il suo contenuto di ‘cumarina’ viene considerata una pianta purificante del sangue. Con le foglie essiccate si possono preparare infusi simili al te, con azione digestiva e sedativa degli spasmi addominali. Nel 1500 veniva utilizzata anche per curare la gotta.

 

Il suo nome  ‘Melittis’ deriva da una parola greca che significa melissa o ape, in quanto pianta mellifera per eccellenza. Con l’epiteto ‘melissophyllum’ invece,  si descrive la rassomiglianza con la pianta di melissa. Popolarmente chiamata ‘erba limonia’, perché stropicciando le sue foglie, emana un intenso profumo che ricorda il limone.

  cdg-f-erba-limonia_bocca-di-lupo 002
  cdg-f-erba-limonia_bocca-di-lupo 003
  cdg-f-erba-limonia_bocca-di-lupo 004
  cdg-f-erba-limonia_bocca-di-lupo 005
  cdg-f-erba-limonia_bocca-di-lupo 006

Melittis melissophyllum -- Erba limonia –Bocca di lupo