• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-erba-vaiola   Nome scientifico: CERINTHE MAJOR
  Nome comune: ERBA VAJOLA
  Famiglia: Boraginaceae
  Fioritura: Dicembre-Giugno
  Habitat: Predilige terreni incolti, prati, fossati da 0 a 900m. Non è presente in Piemonte, Val d'Aosta, Lombardia, Triveneto.


Descrizione

cdg-f-erba-vaiola dis

Pianta annuale erbacea, con fusto cilindrico, eretto, piuttosto ramificato, che può raggiungere gli 80 cm di altezza. Si presenta carnoso, quasi glabro di colore verde glauco, talvolta con macchiette biancastre.

Le foglie basali sono di forma spatolata, color verde-azzurrognolo, ricoperte da una pellicola cerosa. Spesso, come il fusto sono macchiettate di bianco, con presenza di tubercoli con irte setole sul margine. Le foglie lungo il fusto, sono più piccole e avvolgenti, con vistose macchie chiare.

 

I fiori penduli sono riuniti in racemi fogliosi, contornati di brattee rosso-violetto lunghe oltre il calice. La  corolla tubolosa, è lunga fino a 3 cm, larga poco meno di 1, di colore giallo intenso, con sfumature purpuree alla base, che si ripetono alla fauce, dove sono visibili piccoli lobi corollini come dentellature rivolte indietro. Stilo e stami sono violacei.

La pianta è caratterizzata dalla variabilità del colore, che si adatta all'ambiente in cui vive.

 

cdg f erba vaiola semiI frutti sono semi ovoidi brunastri.

 Questa pianta, considerata anche una buona mellifera, può essere usata in insalate o mista con altre erbe spontanee in sformati e frittate. Le sue foglioline più tenere infatti, hanno un sapore molto gradevole che ricorda quello dei piselli. Anticamente veniva usata nella medicina popolare come diuretico, antiemorragico,, antipiretico, astringente e sfiammante per uso oftalmico.

 

Prende il suo nome, dalle parole greche "Keros", che significa "cera" e "Anthos", che vuol dire "fiore", riferito alla forma del suo fiore giallo, che sembra ricordare un piccolo cero. L'aggettivo "Major" si riferisce a questa pianta, che è la più grande del suo genere. Con l'appellativo di 'Erba vaiola' si fa riferimento invece alle pustole presenti sulle sue foglie.

 

                    



  cdg-f-erba-vaiola 002
   cdg f erba vaiola 003
   cdg f erba vaiola 004
   cdg f erba vaiola 005
   
   

Erba vajola -- Cerinthe major