• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f erba cornetta 001   Nome scientifico: DELPHINIUM CONSOLIDA – CONSOLIDA REGALIS
  Nome comune: ERBA CORNETTA – SPERONELLA
  Famiglia: Ranuncolaceae
  Fioritura: Maggio-Giugno
  Habitat: margine di campi di cereali e bordi di viottoli, su substrati calcarei con suoli piuttosto asciutti e ricchi di sostanze nutritive. Fino a 1200 m. Assente in Sicilia.


Descrizione

cdg-f-erba-cornetta dis

Pianta erbacea perenne con esile radice a fittone, piuttosto ramosa, alta circa 20/40 cm.

Ha piccoli fusti eretti e angolosi coperti di leggerissima peluria.

Le foglie sono alterne, glabre, formate da vari segmenti appuntiti molto stetti, di color verde scuro. Lungo il fusto tendono ad assottigliarsi.

I graziosi fiori della pianta, sono di un bel colore azzurro-violetto brillante, riuniti in racemi radi. Si compongono di 5 tepali di aspetto petaloide, di cui il superiore è prolungato in uno sperone particolare, ricurvo e lungo circa 2 cm, simile a sottile corno che ha determinato il nome popolare della pianta. I laterali oblanceolati, sono progressivamente ristretti alla base e lasciano intravedere i numerosi stami presenti al centro del fiore.

Il frutto è simile a un baccello piuttosto piccolo e allungato, di colore marrone chiaro che contiene piccolissimi semi triangolari.

La pianta fin dall’antichità veniva apprezzata per le sue proprietà diuretiche e depurative, anche se nei fiori sono presenti alcaloidi e viene considerata velenosa.

Nel secolo XVI e XVII veniva utilizzata come cicatrizzante delle ferite e solidificante delle ossa (Consolida, dal latino Consolidare).

Con i suoi fiori invece, si tingevano le lane di azzurro e dal succo estratto, sapientemente mescolato con allume, veniva ricavato un inchiostro blu.

I nomi scientifici che identificano questa pianta sono riferiti alle sue caratteristiche e all’utilizzo che ne veniva fatto. “Delphis”, che in greco significa delfino, allude alla forma del bocciolo che ne ricorda la forma. “Consolida” dal verbo latino “Consolidare” descrive le qualità cicatrizzanti e consolidanti della pianta. Infine i nomi popolari di “Cornetta e “Speronella” alludono alla forma del piccolo fiore.

Questa pianta è protetta da leggi regionali che ne vietano la raccolta e la distruzione, perché considerata in via di regressione.

                    



  cdg f erba cornetta 002
  cdg f erba cornetta 003
   
   
   
   

 Erba cornetta - Speronella -- Delphinium consolida - Consolida regalis