• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
felce-setifera   Nome scientifico: POLYSTICHUM SETIFERUM
  Nome comune: FELCE SETIFERA
  Famiglia: Dryopteridaceae
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: boschi di latifoglie meso-termofili, con terreni freschi ben drenati da neutri ad acidi. Sponde di ruscelli. Da 0 a 2000 m. Assente in Val d'Aosta.


Descrizione

felce setifera div

La Felce setifera è una pianta erbacea perenne abbastanza diffusa su tutto il territorio italiano, spesso confusa con altre specie di Polysthicum, soprattutto perché si formano ibridi con facilità.

Ha un rizoma corto molto robusto, avvolto in squame di colore brunastro, dal quale si elevano fronde con breve picciolo, lunghe fino a 1 metro che formano ampi cespi persistenti anche durante l'inverno.

Le fronde, disposte a rosa sono formate dal rachide centrale, ricoperto da fitte scaglie rossastre, dal quale si dipartono le pinne, a loro volta composte da una nervatura centrale che porta lateralmente una serie di piccoli elementi fogliari detti pinnule.

Le fronde, hanno una durata di circa 15 mesi e restano ancorate alla pianta anche dopo l'appassimento. Sono di colore  verde chiaro opaco, con andamento ricadente verso il basso e lamina tendenzialmente triangolare. Le pinne appaiono morbide, opposte sul peduncolo, in numero di circa 40 paia; hanno forma lanceolata formate da pinnule picciolate. Queste con lamina ovale e  un'evidente orecchietta basale, hanno i margini dentellati e l'apice terminante con  un mucrone che può sembrare una setola.

I sori rotondeggianti, presenti su tutta la fronda, sono allineati al centro della pagina inferiore delle pinnule, con spore di colore giallastro.

Il suo nome specifico proviene da due parole greche: 'polys e stichos' che significano 'molto e fila', con chiaro riferimento ai sori fittamente allineati. Mentre l'epiteto 'setiferum' proviene dalle due parole latine: 'seta' e 'fero=portare' e descrive il margine delle pinnule.

Per la sua morbida appariscenza, spesso la Felce setifera, viene coltivata come pianta ornamentale.

  felce-setifera 002
  felce-setifera 003
  felce-setifera 004
  felce-setifera 005
  felce-setifera 006
  felce-setifera 007

Polystichum setiferum -- Felce setifera