• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

Assiolo

assiolo 01

emma cellesi

Otus scops


Classe: Uccelli
Ordine: Strigiformi
Famiglia: Strigidae

Ad eccezione di alcune popolazioni endemiche mediterranee residenti, l'Assiolo è una specie migratrice regolare dal Paleartico dove nidifica all’Africa sud-sahariana dove sverna.

 Ascolta il verso

Foto di reitz27 da Pixabay
assiolo 02
wikipedia

Caratteri distintivi

Lunghezza totale: 19-20 cm; Apertura alare: 46-54 cm; Peso: 80-120 grammi.

Corpo relativamente robusto, più piccolo del merlo ma più pesante.

Il piumaggio è bruno-grigio o marrone-rossiccio, indipendentemente dal sesso, con screziature; nei giovani è simile a quello degli adulti, ma più striato.

Il becco è breve, uncinato, nerastro o bruno, grigio o giallastro alla base. La testa è piccola e piatta, con due ciuffetti di piume; occhi posti anteriormente con iride gialla.

Ali relativamente larghe e arrotondate. Coda breve e barrata.Le zampe sono piumate e munite di artigli.

Dimorfismo sessuale perlopiù per confronto (la femmina normalmente è più grossa del maschio).

Biologia

Il periodo di riproduzione va da maggio a luglio. Nidifica normalmente nlle cavità degli alberi, muri, vecchi nidi di corvidi, cassette-nido. Depone 3-7 uova bianche che cova per 24-25 giorni (una covata all'anno).

La prole è nidicola e abbandona il nido a 3-4 settimane, ma si intrattiene nelle immediate vicinanze per alcuni giorni.

Inconfondibile il richiamo, un monotono "tchiù" ripetuto a lungo. 

Di abitudini crepuscolari e notturne caccia all’agguato grossi insetti e altri invertebrati che cattura sia a terra che in volo, occasionalmente cattura anche micromammiferi e rettili.

Frequenta una grande varietà di ambienti, da zone steppiche e semiaride a boschi di conifere fino a 1500 metri di altitudine, predilige tuttavia aree caratterizzate da boschi e boscaglie di latifoglie alternate a spazi aperti cespugliati o coltivati, parchi e giardini alberati.

Il volo è battuto e in parte planato, ondulato e silenzioso.

In libertà vive circa 6 anni, in cattività circa 20.