• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
aglio streghe 001   Nome scientifico: ALLIUM CARINATUM (PULCHELLUM)
  Nome comune: AGLIO DELLE STREGHE
  Famiglia: Amaryllidaceae
  Fioritura: Giugno-Settembre
  Habitat: predilige terreni calcarei, luoghi sassosi e incolti, rocce serpentine, margini di boschi. Fino a 1400 m. Assente in Val d’Aosta, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna.


Descrizione

cdg f aglio streghe disPianta perenne con robusto bulbo tondeggiante di circa 1 cm di diametro, racchiuso da fibre biancastre esterne; con le interne scure e membranose.

Ha fusto eretto che può raggiungere un’altezza di circa 60 cm, striato e avvolto da guaine nella parte inferiore, per circa metà del suo sviluppo.

Le foglie lineari allungate alla base, possono essere in numero da 2 a 4, larghe 3/4mm, più corte rispetto al fusto. I fiori formano una caratteristica infiorescenza scapigliata di aspetto irregolare, con elementi in parte pendenti, in parte eretti di misura variabile, portati su peduncoli disuguali e flessuosi, lunghi fino a 4 cm.

Ogni fiore può essere rivolto in alto, in basso o in maniera obliqua; è formato da 6 tepali obovati, lunghi circa 5/7mm, dalla delicata colorazione lilla-rosato.

Sono presenti stami e filamenti color porpora che sporgono dalla corolla.           Il frutto è una capsula ovoidale con piccole strie.

Come tutte le Amaryllidacee, anche questa specie ha proprietà ipotensive e antisettiche.

Conosciuto fin dai tempi più antichi, veniva largamente adoperato, già dal V° secolo a.C. dagli operai addetti alla costruzione delle monumentali Piramidi d’Egitto.

L’utilizzo del bulbo fresco schiacciato può essere un valido aiuto per l’eliminazione di calli e foruncoli.

Il suo nome scientifico deriva dalla parola celtica ‘All’ che significa acre, riferito proprio al suo sapore. L’epiteto specifico ‘Carinatum’ invece è di derivazione latina e descrive la carena dei bulbilli presenti sull’infiorescenza. Il nome comune è riferito alle streghe, in quanto l’aglio nella credenza popolare, è ritenuto efficace per tenere lontano streghe, vampiri e spiriti negativi, nonché antidoto contro le malattie. L’aggettivo ‘Pulchellum’, sempre di derivazione latina, lo descrive come fiore grazioso.

Osservato sulle rocce serpentine.

  aglio streghe 003
  aglio streghe 003
  aglio streghe 004

 

Allium carinatum (pulchellum) -- Aglio delle streghe