• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
aglio streghe 001   Nome scientifico: ALLIUM COLORATUM
  Nome comune: AGLIO DELLE STREGHE
  Famiglia: Amaryllidaceae
  Fioritura: Giugno-Settembre
  Habitat: predilige terreni calcarei, luoghi sassosi e incolti, rocce serpentine, margini di boschi. Fino a 1400 m. Assente in Val d’Aosta, Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna.


Descrizione

cdg f aglio streghe disPianta perenne con robusto bulbo tondeggiante di circa 1 cm di diametro, racchiuso da fibre biancastre esterne; con le interne scure e membranose.

Ha fusto eretto che può raggiungere un’altezza di circa 60 cm, striato e avvolto da guaine nella parte inferiore, per circa metà del suo sviluppo.

Le foglie lineari allungate alla base, possono essere in numero da 2 a 4, larghe 3/4mm, più corte rispetto al fusto. I fiori formano una caratteristica infiorescenza scapigliata di aspetto irregolare, con elementi in parte pendenti, in parte eretti di misura variabile, portati su peduncoli disuguali e flessuosi, lunghi fino a 4 cm.

Ogni fiore può essere rivolto in alto, in basso o in maniera obliqua; è formato da 6 tepali obovati, lunghi circa 5/7mm, dalla delicata colorazione lilla-rosato.

Sono presenti stami e filamenti color porpora che sporgono dalla corolla.           

Il frutto è una capsula ovoidale con piccole strie.

Come tutte le Amaryllidacee, anche questa specie ha proprietà ipotensive e antisettiche.

Conosciuto fin dai tempi più antichi, veniva largamente adoperato, già dal V° secolo a.C. dagli operai addetti alla costruzione delle monumentali Piramidi d’Egitto.

L’utilizzo del bulbo fresco schiacciato può essere un valido aiuto per l’eliminazione di calli e foruncoli.

Il suo nome scientifico deriva dalla parola celtica ‘All’ che significa acre, riferito proprio al suo sapore. L’epiteto specifico ‘Coloratum’ invece è di derivazione latina e descrive il colore vivace dell’infiorescenza. Il nome comune riferito alle streghe, in quanto l’aglio nella credenza popolare, l'aglio è ritenuto efficace per tenere lontano streghe, vampiri e spiriti negativi, nonché antidoto contro le malattie. 

 

  aglio streghe 003
  aglio streghe 003
  aglio streghe 004

 

Allium coloratum -- Aglio delle streghe