• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg r alisso montano 001   Nome scientifico: DIANTHUS SYLVESTRIS LONGICAULIS
  Nome comune: GAROFANO SELVATICO
  Famiglia: Caryophyllaceae
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: aree sassose, rupi. Fino a 1500 m. Assente in Sicilia e Sardegna.


Descrizione

cdg-r-garofano-selvatico dis

Pianta erbacea suffruticosa alta fino a 80 cm, con fusto gracile, ma eretto formato da segmenti “a nodi” che di solito porta un solo fiore.

Le foglie della base sono opposte e leggermente congiunte tra loro; quello lungo il fusto sono molto più brevi e piuttosto dritte, color verde-grigio.

 

I fiori sono solitari, con la corolla composta da 5 petali di color rosato acceso e brillante, frastagliati all'apice, con numerosi stami scuri. Il calice è verde chiaro di forma cilindrica.

Il frutto è a forma di capsula terminante con 5 dentini, che contiene numerosi piccoli semi scuri.

 

Il Garofano è una specie che venne importata circa a metà del secolo XII, a seguito della spedizione di San Luigi a Tunisi contro gli infedeli.

Veniva usata in profumeria per estrarne le essenze utilizzate nei cosmetici e addirittura i Musulmani, ne facevano utilizzo per profumare i liquori. Dopo innumerevoli incroci, che ne hanno mutato le caratteristiche originali, da oltre un centinaio di anni, intorno al Garofano si è sviluppato un fiorente mercato floricolo, con importanti riscontri economici.

 

Il suo nome scientifico “Dianthus”, proviene dalle parole greche Thiòs e Anthòs che significano “fiore divino”. Il nome comune di “Garofano” è di probabile provenienza latina: Caryophillus= Garofalo, trasformato nell’attuale Garofano. L’epiteto “Longicaulis” sottolinea la lunghezza del calice.

 

Specie protetta, fotografata sulle serpentiniti e sulle rocce delle nostre Riserve Naturali.

                    



  cdg-r-garofano-selvatico 002
  cdg-r-garofano-selvatico 003
  cdg-r-garofano-selvatico 004
  cdg r garofano selvatico 005
   
   

Garofano selvatico -- Dianthus Sylvestris Longicaulis