• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-nontiscorderdime   Nome scientifico: MYOSOTIS SCORPIOIDES
  Nome comune: NONTISCORDARDIME DELLE PALUDI
  Famiglia: Boraginaceae
  Fioritura: Maggio-Settembre
  Habitat: presente nelle zone umide, vicino a sponde dei fossi, su suoli ricchi di sostanze nutritive. Non è presente in Puglia, Calabria, Sicilia, Sardegna. Fino a 1200m.


Descrizione

cdg-f-nontiscorderdime dis

Pianta erbacea perenne, con rizoma strisciante, che può raggiungere i 70 cm di altezza.

Ha fusti ascendenti eretti, leggermente pelosi, spesso prostrati alla base.

Le foglie sono lanceolate, appuntite, ricoperte da leggera peluria, color verde chiaro brillante, lunghe fino a 8-9 cm.

L’infiorescenza è breve, ma densa di fiori. Inizialmente si forma una spirale di fiori che si aprono formando una curvatura che ricorda la coda di uno scorpione. Questa piantina, è la specie che tra i ‘Myosotis’, ha i fiori più grandi e più vistosi. Sono formati da un piccolo calice, con lacinie ricoperte da peli appressati. La corolla ha 5 petali blu-violetto chiaro, più rosacei al centro, saldati alla base, grandi poco meno di un cm. La parte centrale è composta da 5 scagliette che formano un anello giallo, che ha lo scopo di attirare gli insetti impollinatori.

Il nome della pianta deriva dalle parole greche ‘myos’=topo e ‘othòs’=orecchio, con probabilità riferito alla forma delle foglie che ricordano quella dell’orecchio di un topo.

L’epiteto specifico deriva sempre dal greco ‘scorpios’, per la somiglianza della forma dell’infiorescenza simile alla coda di uno scorpione.

Il piccolissimo frutto è detto tetranucula, di 1-2mm, lisci, ovali di colore scuro.

Il popolare e curioso ‘nontiscordardime’ trova origine da un racconto del folklore tedesco, in cui un cavaliere, nell’atto di offrire dei fiori alla sua amata, inciampò e cadde in acqua. Il notevole peso dell’armatura lo stava trascinando a fondo e lui gettando il mazzolino di fiori verso la sua amata le gridò: ‘’Vergis mich nicht”, che significa appunto ‘non ti scordar di me’! Questa frase, da allora dette il nome al grazioso fiorellino.

                 



  cdg-f-nontiscorderdime 002
  cdg-f-nontiscorderdime 003
  cdg-f-nontiscorderdime 004
  cdg-f-nontiscorderdime 005

Nontiscordardime delle Paludi -- Myosotis Scorpioides