• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

Risalendo del Cecina

anna stefano paolo

7.4 km, n/a

Coordinate punto di partenza: 43°06'56.9"N 10°58'04.2"E   google maps cane-guinzaglio solo-estate
- Percorso il : 21/07/2016 - Tempo impiegato: 05:21:00 h - Tempo in movimento: 03:42:00 h
- Distanza percorsa: 7,00 km - Dislivello tot. In salita: 271 m - Pendenza: med. 5,6% max. 37,0%
Verificato il: giu. 2017
- Note: Niente da segnalare.
- Difficoltà : EE
linea sep
bot mappa logo minibot traccia
linea sepGalleria foto 26 immagini

DESCRIZIONElinea sep

Appassionante cammino estivo attraverso i luoghi più conosciuti
e i meno noti del nostro fiume

Con le prime giornate di caldo estivo non potevamo che ricorrere alle invitanti risalite dei nostri fiumi, per unire al piacere del cammino, il beneficio delle acque fresche, dedicandoci all’interessante osservazione della vegetazione ripariale e a qualche curioso incontro di animali che frequentano questi ambienti.

Dedicandoci alla risalita della nostra amata Cecina, questa volta abbiamo deciso di percorrere un tratto del fiume molto conosciuto e spesso anche oggetto di discussioni e contestazioni, ma sicuramente il più bello e suggestivo dei suoi 70 km. Il tratto in questione non è molto lungo, perciò anche se l’andatura in questo tipo di itinerario è piuttosto ridotta, possiamo decidere una volta giunti alla meta, di ripercorrerlo a ritroso e gustarci nuovamente i passaggi più insoliti e caratteristici. Diversamente, avendo cura di disporre anticipatamente un mezzo di trasporto alla fine del tragitto, possiamo percorrerlo in un solo senso concedendosi maggior tempo per le soste, per le foto e magari per un bagno ristoratore.

E’ bene ricordare che per le risalite in alveo dobbiamo considerare una certa difficoltà e un certo impegno fisico, sarà perciò necessario un minimo di attrezzatura e un po’ di spirito di adattamento. Si renderanno utili e indispensabili i bastoncini, come appoggi per rendere più sicuro il cammino tra le pietre scivolose e un paio di scarpe con suola robusta (da indossare con calzini), da sacrificare camminando immersi nell’acqua del fiume. Altri piccoli accorgimenti saranno presi per gli oggetti che non dovranno bagnarsi, ricorrendo a robusti sacchetti di plastica sigillati o alle apposite sacche stagne per costudire il cellulare, il portafoglio e il nostro spuntino.

 

cecina 001Come luogo di partenza abbiamo scelto il Passo del Mulino, conosciutissimo per il vicino accesso al Masso delle Fanciulle. (coord. 43°18’36,1”N 10°55’23,5”E). Lasceremo la strada Comunale di Lanciaia, provenienti dal ‘Ponte di Ferro’, per imboccare sulla sinistra una piccola stradina sassosa, che con qualche centinaio di metri ci porta al guado del fiume.

Iniziamo il cammino immergendo da subito i piedi nell’acqua e incamminandoci risalendo il vasto specchio formato dal fiume, incastonato come un piccolo laghetto tra la rigogliosa vegetazione di pioppi e ontani neri. Ben presto appena percorsi 600-700m di cammino scorgiamo sulla nostra sinistra la sagoma dello strumento che misura la portata del fiume e poco più avanti di fronte, in corrispondenza di una piccola ansa, il primo punto di interesse del nostro viaggio: il Masso delle Lastre. In questo tratto è presente uno dei ‘tonfi’ meno noto ai turisti, ma conosciutissimo e apprezzato da sempre dalla popolazione del luogo. I grandi massi di forma allungata, adagiati come enormi lastre di pietra ai bordi del profondo specchio d’acqua, avranno sicuramente dato il nome a questo posto, che delimita sulla sinistra, il vasto ‘Piano di Casinieri’.

cecina 004Proseguiamo nell’ampio alveo del fiume  per poche centinaia di metri, fino a intravedere davanti a noi la familiare sagoma del Masso delle Fanciulle, luogo magico conosciuto da sempre dagli abitanti della zona e negli ultimi anni apprezzatissimo anche dai turisti. Il grosso sperone di scura roccia ofiolitica è legato alla triste leggenda delle fanciulle affogate nelle acque sottostanti e sovrasta un piccolo e profondo specchio di acqua cristallina dove sarà irrinunciabile concedersi un bagno.

Ci preme ricordare che spesso questo luogo è frainteso e confuso col Masso degli Specchi, che invece si trova più avanti, dopo aver oltrepassato anche le cascatelle formate dalla ripresa.

Continuiamo a risalire lungo il fiume che da qui riduce l’ampiezza del suo alveo e si fa più interessante e variegato, incastonato sulla nostra sx tra alte rocce ofiolitiche e scoscese pendici boscose. Divenuto più piatto e sassoso, in questo tratto del fiume si ripetono una serie di piccole anse che formano a loro volta rivoli e tonfi azzurri, tanto limpidi che possiamo intravedere con facilità numerosi pesci, di tutte le misure. Raggiungeremo un’ampia spiaggetta ghiaiosa, che in special modo alle prime luci del mattino, ci apparirà particolarmente affascinante.

Lungo la risalita, profondi e ampi tonfi d’acqua color smeraldo, costeggiano e rispecchiano le alte pareti rocciose, alla cui base è ricavato il camminamento che conduce al Masso agli Specchi. Il piccolo viottolo, scavato nella pietra e contornato da tracce di vecchi muretti, sfrutta il tracciato dell’antico ‘gorile’, un canale che convogliava l’acqua del fiume, proveniente dallo sbarramento artificiale.  Sulla sinistra, al margine della ripresa si può osservare ancora la struttura di una chiusa medievale in muratura, supportata da travi in legno, restaurata diversi anni fa. Seguendo l’andamento del fiume e delle rocce, attraversando i campi nel tratto finale, il gorile raggiungeva infine l’antico Mulino di Berignone.

Continuiamo a camminare in questo tratto di fiume che si interpone tra il Masso delle Fanciulle e il Masso degli Specchi, sempre molto suggestivo, sia che si voglia percorrere lungo il camminamento che direttamente dentro l’acqua. Questo particolare punto è da sempre chiamato i ‘Cantinacci’ e ci immaginiamo, che le anse angolose del corso d'acqua e i piccoli antri nascosti come finestrelle di cantine, possano aver dato il nome a questo posto. Voltando leggermente verso dx, il rumore dell’acqua scrosciante ci anticipa la vista della cascatella formata dallo sbarramento artificiale, che sin da tempi lontani imbrigliava le acque del fiume.

torraccia mfanciulle 017Sovrastante la ripresa ci appare il vasto pozzo del Masso degli Specchi, con gli imponenti costoni rocciosi che si riflettono nelle verdi acque sottostanti. I due massi di roccia ofiolitica, posti uno di fronte all’altro, sembrano rispecchiarsi a vicenda dando il nome a questo luogo particolare. Lo specchio d’acqua, uno dei più profondi di tutto il fiume Cecina viene spesso confuso col Masso delle Fanciulle, ci sembra perciò opportuno fare chiarezza, nella descrizione del nostro percorso,  precisando ogni luogo col proprio nome, come da sempre è stato fatto dagli anziani, nel rispetto della storia e delle tradizioni della nostra zona.

Continuiamo ora la nostra marcia ostacolata dal superamento del profondo specchio d’acqua. A meno che non si decida di superarlo a nuoto, mettendo a rischio il nostro equipaggiamento, dobbiamo compiere un piccolo aggiramento risalendo l’irto sentiero nel bosco sulla ns dx, confortati dal fatto che al culmine potremmo avere l’interessante possibilità di arrampicarci fin sopra l’estrema sommità del masso, che si affaccia sull' ampio panorama sulla vallata e sulle sinuose curve del fiume. Proseguiamo nel discendere l’aspro pendio per riguadagnare in breve l'alveo del Cecina, dove avrà inizio il tratto più bello e selvaggio, uno dei meno conosciuti del nostro fiume.

Possiamo intraprendere il cammino immersi per lo più nell’acqua, che ci darà piacevolissime sensazioni, limitandoci ad aggirare soltanto alcuni dei punti più insidiosi, spostandoci sulle rocce. Dopo circa 300-400 metri dal Masso degli Specchi, troveremo un tratto in cui l’acqua ha scavato nel tempo, profondi solchi nella nera roccia di gabbro, creando un alternarsi di rivoli e cascatelle spumeggianti. Continueremo la marcia fino a oltrepassare un ulteriore specchio d’acqua ed una spiaggetta ombreggiata. Da questo punto in poi la risalita del fiume lascerà anche spazi più aperti ed assolati, delimitati da spiaggette ghiaiose.

Arriveremo così ad un ulteriore specchio d’acqua profonda, sovrastato da un grosso masso scuro, che per la sua particolare forma, viene chiamato 'Masso della Piramide’. Andando ancora avanti per alcune centinaia di metri, in prossimità di una piana, ci troveremo di fronte alla confluenza con il torrente Pavone, luogo simbolo e crocevia di molti percorsi della zona. Intorno al margine della riva dei due fiumi, la vegetazione ripariale si fa superba, mostrando cornioli rosseggianti di bacche quasi mature, rigogliosi ontani che sfiorano l’acqua con le fronde, con la presenza dei noccioli carichi di frutti. Da qui spostandoci per poche decine di metri verso il bosco, avremo la possibilità di visitare i ruderi del vecchio Mulino di Bruciano che conserva ancora, sommersi dalle piante, i resti delle mura e di alcune macine. Sul retro, sono ancora visibili, lo spazio della gora e delle condotte che convogliavano le acque verso il meccanismo di macina.

Continuiamo la marcia proseguendo lungo il Cecina, lasciandoci sulla dx l’invitante percorso del torrente Pavone. Poco più avanti, oltrepassato un nuovo misuratore di portata, avanzeremo nell’ampio letto del fiume costeggiato ancora dalla vegetazione costituita in questo punto soprattutto da salici da vimini, che arrivano a lambire il bordo dell’acqua. Interessante sarà la vista di particolari pieghe geologiche presenti sulla nostra dx, che ci accompagneranno costantemente mentre avanzeremo nel nostro tragitto. Dopo un leggero ristringimento dell’alveo, il fiume ora sembra serpeggiare tra le rocce.

polanisiaIl susseguirsi di continue anse e cascatelle, lascia spazio a dune sabbiose colonizzate dalle fioriture della ‘Polanisia’, una curiosa pianta avventizia, giunta dall’America negli anni ’60. Percorso così circa un chilometro dalla confluenza col Pavone, giungiamo al grande pozzo della ‘Tormentaia’, dove in prossimità di un’ampia curva, si presenta davanti a noi un vasto e profondo specchio d’acqua, con grandi scogli neri che emergono solitari. Intorno si apre una spiaggetta ghiaiosa che ci invita a una sosta.

Sulla nostra sinistra, una ripida collina, mostra una serie di stratificazioni geologiche che arrivano fino a lambire il letto del fiume, con fantasiose forme che ricordano il profilo di animali preistorici. Questo luogo, conosciuto per le cave di pietra, anticamente utilizzate per macine dei mulini, è da sempre chiamato ‘Cava della Tormentaia’.

In questa parte del cammino, abbiamo notato anche evidenti tracce della presenza di bestiame brado, che data la calura estiva, si spinge fino al fiume per abbeverarsi e rinfrescarsi. Da qui il tratto che dovremmo percorrere fino al ponte in prossimità della vecchia draga, sarà nuovamente un susseguirsi di passaggi tra piccole spiaggette e grossi massi. Colorano l'ambiente i numerosi cespugli di salcerella dalle belle spighe violacee fiorite, richiamo per numerose ‘damigelle’ che ci svolazzano intorno mentre passiamo. Ancora un profondo specchio d’acqua circondato dal verde, che aggireremo passando da un piccolo viottolo fatto dai cinghiali, per riguadagnare dopo pochi metri di nuovo il fiume, che ci potrà rinfrescare. Proseguiremo così, fino ad oltrepassare il ponte e lasciando lo scorrere del fiume, proseguiremo verso il piazzale antistante la cava di ghiaia, imboccando sulla sx la strada asfaltata che in poche centinaia di metri ci porterà alla nostra auto.

Durante il periodo estivo, la risalita di fiumi e torrenti della zona, rappresenta per tutti noi una ghiotta opportunità di camminare. Oltre a permetterci di continuare con i nostri itinerari, nonostante le temperature torride, ci dà modo di conoscere e vedere questi ambienti in maniera insolita e interessante. Poter camminare liberamente nelle acque fresche dei torrenti, che in gran parte dell’anno presentano ostacoli da superare, ci dà un’inebriante sensazione di libertà e leggerezza. Ascoltare lo scrosciare dell'acqua e l'assordante frinire delle cicale; seguire il volo dei rapaci nelle strette gole pietrose, immergersi nel verde della vegetazione, tra le colorate fioriture che punteggiano le spiaggette ghiaiose, ci regalerà un benessere inaspettato che ci ripagherà dello sforzo di un cammino talvolta più complicato, ma mai monotono e uguale. Tutto ciò però, rappresenta anche un impegno non indifferente e a chi si apprestasse a fare questo genere di escursioni e vorremmo consigliare vivamente di prepararsi con cura.

Occorrerà studiare bene il percorso, prevedendo i tempi e i luoghi di sosta, poiché trattandosi di ambienti remoti e spesso molto lontani da vie di comunicazione non dovranno mai essere trascurati gli aspetti della sicurezza. Sebbene il cammino non rappresenti particolari difficoltà, avanzare lungo l’alveo del fiume o immersi nell’acqua, comporta sempre agire con molta attenzione e cautela. Un'altra importante e accorata raccomandazione, è quella di rispettare il più possibile i luoghi che attraversiamo, invitando ognuno di noi non solo a non abbandonare niente durante il cammino, ma quando possibile a raccogliere ciò che i nostri sciagurati predecessori hanno lasciato!!! Il rispetto e la conservazione di questi ambienti e della natura in generale, deve passare necessariamente anche dai piccoli gesti personali, meno rumorosi ed eclatanti di certi slogan della pubblicità, ma sicuramente molto più efficaci .

Noi da sempre siamo convinti che, anche i luoghi più belli vadano fatti conoscere e condivisi, senza aver timori o gelosie. Ma siamo consapevoli che ciò potrebbe comportare un impegno maggiore perché ognuno di questi posti possa essere tutelato e conservato al meglio, nel totale rispetto dell’ambiente nella sua naturalità. Però siamo certi, che sarebbe sufficiente un pizzico di buona volontà da parte di tutti e un mirato insegnamento verso le nuove generazioni, educandole a conoscere e a dialogare con l’ambiente che ci circonda, per imparare ad amarlo, apprezzarlo e rispettarlo e soprattutto a valorizzarlo come una grande risorsa per il futuro.