• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg r alisso montano 001   Nome scientifico: STACHYS RECTA Subsp. SERPENTINII
  Nome comune: STREGONIA DEL SERPENTINO
  Famiglia: Lamiaceae
  Fioritura: Maggio-Giugno
  Habitat: presente su substrati ofiolitici, soleggiati e caldi della Toscana, Emilia, Lombardia. Fino a 1000m.


Descrizione

cdg-r-stregonia-del-serpentino dis

Questa piccola pianta, conosciuta in Toscana come “Erba della Paura”, è una specie endemica che allo stato spontaneo, è presente solo su poche porzioni del territorio italiano.

E’ una pianta erbacea perenne alta da 20 a 50 cm, con fusti gracili, arcuati, ascendenti e poco ramosi.

Le foglie sono strette, flessuose, opposte, con margine appena dentellato, di color verde chiaro, sempre più sottili verso la fine dello stelo.

L’infiorescenza è composta da 4-10 fiori disposti in verticilli,  sorretti da un calice con 5 dentini appuntiti. La corolla è color bianco crema, con sfumature giallastre e screziature rosse alla fauce e sul labbro superiore del fiore.

Come tutte le piante del genere “Stachys”, ha proprietà stimolanti, toniche, aperitive ed era anticamente considerata il rimedio per ogni male, soprattutto per detergere ferite e piaghe e utilizzata per suffumigi per combattere la tosse insistente.

In Toscana veniva usata per “levare la paura”, in quanto chi aveva subito uno stress, veniva sottoposto a una specie di benedizione fatta con l’acqua in cui era stata bollita questa pianta, insieme a foglie di olivo e a briciole di pane. Recitando una preghiera rituale, l’acqua avrebbe dovuto addensarsi e in questo modo la paura era sconfitta.

L’erba rigorosamente raccolta il 24 giugno, veniva poi essiccata e conservata in mazzetti.

Il nome greco del genere “Stachys”, significa spiga, mentre l’epiteto “Recta” proviene dal latino e descrive il portamento “eretto” della pianta.

Popolarmente è chiamata “Erba Stregonia” per l’alone di mistero che la circonda. La Stachys Recta, importante serpentinofita, è una specie endemica dei substrati ofiolitici italiani ed è rigorosamente protetta.

Fotografata nel percorso della Vecchia Ferrovia del Ritasso (Riserva di Monterufoli).

  cdg r stregonia del serpentino 002
  cdg r stregonia del serpentino 003
  cdg r stregonia del serpentino 004
   
   
   

Stregonia del serpentino -- Stachys recta