• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-silenide-fior-di-cucolo   Nome scientifico: LYCHNIS FLOS CUCULI
  Nome comune: SILENE FIOR DI CUCULO
  Famiglia: Caryophyllaceae
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: Ambienti umidi, palustri e torbosi, suoli ricchi di sostanze nutritive. Fino a 1600 m. E’ indicatore di umidità.


Descrizione

cdg-f-silenide-fior-di-cucolo dis

Pianta perenne leggermente velenosa con fusto eretto, rossastro, vischioso alto 30-80 cm, un po’ ramoso verso l’alto.

Le foglie basali sono disposte in rosetta, glabre, lineari, spatolate, di color verde intenso. Quelle che si trovano lungo lo stelo sono più piccole, senza peduncolo, con nervature rilevate, lunghe 4-5 cm.

I fiori sono riuniti in corimbi ramificati, in numero variabile da dieci-venti. Hanno un diametro di 2-3 cm e sono sorretti da un calice corto campanulato, rigato esternamente che termina con piccoli denti triangolari. La corolla ha 5 petali di colore rosa, con lembi profondamente suddivisi e sfrangiati in quattro segmenti ineguali, di cui i mediani sono più lunghi.

I frutti sono capsule di forma ovale, piuttosto coriacei, che si aprono con una coroncina di 5 piccoli denti. All’interno sono contenuti numerosi semini marronastri.

La pianta contiene saponine, che al contatto possono irritare le mucose.

Il nome del genere deriva dal greco “Lycnos” che significa luce, candela, per il fatto che con le foglie di questa specie venivano creati degli stoppini per le lucerne. Flos Cuculi, l’altra parte del nome di questa pianta, proviene dalle parole latine “Flos”=fiore e Cùculo=cuculo, per ricordare il periodo di fioritura che avviene in primavera inoltrata, quando i cuculi cantano durante il periodo di nidificazione. Infine la parola Silene, ricorda il frutto a “bombolino” simile alla pancia di Sileno, amico di bevute di Bacco. Anche se presente in tutta la Penisola, questa pianta è considerata piuttosto rara.

In Toscana è compresa nella lista LTR delle specie protette.

Fotografata alle pendici delle Carline

                    



  cdg-f-silenide-fior-di-cucolo 002
  cdg-f-silenide-fior-di-cucolo 003
   
   
   
   

Silene fior di cuculo -- Lychnis flos cuculi