• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-a-tasso   Nome scientifico: TAXUS BACCATA
  Nome comune: TASSO COMUNE
  Nome locale: LIBO
  Famiglia: Taxaceae
  Fioritura: Gennaio-Aprile
  Frutti: in autunno
  Habitat: Si trova nei boschi ombrosi di faggio, con presenza di agrifoglio. Predilige suoli calcarei, da 300 a 600 mt. E’ presente, ma non comune in tutto il territorio italiano.


Descrizione

cdg-a-tasso dis

Il tasso è un maestoso albero sempreverde dell'ordine delle conifere, appartenente alla famiglia delle "Taxaceae", che nelle nostre zone è conosciuto anche col nome di "Libo".

E' una pianta molto longeva, che può raggiungere l'età di 2000 anni ed è considerata una pianta "relittuaria del Terziario", cioè una specie che è sopravvissuta alle Glaciazioni.

La sua chioma è di forma globosa-piramidale, con rami molto bassi, il tronco eretto e tozzo e la corteccia bruno-rossiccia che si scaglia a placche.

Le foglie sono aghiformi, lunghe circa 3 cm, disposte su due file, di un bel color verde lucido molto scuro, più giallastro nella parte inferiore.

I minuscoli fiori maschili e femminili, sono portati su piante diverse. Il fiore maschile è di colore giallo, mentre quello femminile è verdastro.

I frutti sono simili a una bacca, che in realtà si chiamano "arilli". Sono escrescenze carnose, prima verdi, quindi rosse a maturazione e ricoprono un grosso seme nero, legnoso e molto velenoso.

Tutte le parti del Tasso sono tossiche, perché contenenti "tassina" un alcaloide estremamente pericoloso, già noto anche nell'antichità. Per tale motivo, questa pianta, venne denominata da Plinio 'albero della morte', mentre i Romani usavano i suoi rami per intrecciare corone nei giorni di lutto.

In Italia il Tasso è presente nella fascia montana temperata fino a un'altitudine di 1600 metri, ma non è una pianta comune, tanto da essere considerata una specie protetta a livello regionale.

Il suo nome deriva dal greco "Taxos", con lo stesso significato latino che vuol dire "Arco". In antichità infatti, si fabbricavano archi e frecce, col legno dei suoi rami, apprezzati per la resistenza e l'elasticità.

cdg a tasso 002

   
  cdg-a-tasso 003
  cdg a tasso 004
  cdg a tasso 005
  cdg a tasso 006
  cdg a tasso 007

Tasso -- Taxus baccata