INDICE A _ Z - FLORA SPONTANEA DELLA VAL DI CECINA -

   

Acero trilobo

Dettagli
cdg-a-acero-trilobo   Nome scientifico: ACER MONSPESSOLANUM
  Nome comune: ACERO TRILOBO (MINORE)
  Famiglia: Aceraceae
  Fioritura: Aprile –Maggio
  Frutti: Settembre-Ottobre
  Habitat: boschi termofili di latifoglie, luoghi aperti, boscaglie pietrose, con preferenza di zone calde, anche se può adattarsi sia ai climi aridi, che freschi e piovosi. Suoli calcarei. Fino a 1000m. In tutta la Penisola, tranne Piemonte e Val d’Aosta.


Descrizione

cdg-a-acero-trilobo dis

Pianta eliofila caducifoglia, tipicamente mediterranea, con portamento di cespuglio o di piccolo albero che può raggiungere 3-6 metri di altezza, raramente i 10.

La corteccia bruno cenere è liscia da giovane, poi scura con nitide screpolature longitudinali. Il tronco è sinuoso e molto ramificato.

La chioma è densa, globosa, allargata di color verde chiaro.

Le foglie sono opposte portate da lungo picciolo, di consistenza coriacea. Hanno forma trilobata con margine intero, leggermente pubescenti nella parte inferiore, verde lucido scuro in quella superiore. Hanno un piacevole aspetto nel gioco di trasparenze creato dalla luce, specialmente in autunno, quando si colorano riccamente di  sfumature  gialle.

I piccoli fiori, di appena 1 cm di diametro, compaiono poco prima o contemporaneamente alle foglie; sono riuniti in corimbi lassi verde-giallastro, inizialmente eretti, poi penduli in piena fioritura. Hanno 5 sepali e 5 petali verdastri, con stami e antere gialle.

I frutti sono ‘disamare’ doppie con ali divergenti, quasi parallele, lunghe 2/3 cm; spesso rossicce a maturità.

Il legno è rossastro, particolarmente durevole e tenace, una volta veniva usato per attrezzi agricoli e calci di fucili, ottimo anche come combustibile.

Le sue gemme, la corteccia e i rametti giovani possiedono proprietà astringenti, rinfrescanti, antinfiammatorie e curative del fegato. I decotti possono giovare alle pelli arrossate e fragili.

Il suo nome scientifico proviene dalla parola latina ‘acer-acris’ che significa aguzzo, appuntito, forse per l’antico utilizzo della pianta per la fabbricazione di lance. L’attributo che lo specifica si riferisce alla zona di Montpellier, nella Francia meridionale, dove la pianta è molto diffusa, mentre l’aggettivo ‘minore’ lo identifica tra le altre specie, come quello che raggiunge le dimensioni inferiori.

  cdg-a-acero-trilobo 002
  cdg-a-acero-trilobo 003
  cdg-a-acero-trilobo 004
  cdg-a-acero-trilobo 005
  cdg-a-acero-trilobo 006

Acero trilobo -- Acer Monspessolanum

 

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com
   

fiori per colore  

 Identificazione e classificazione
secondo 5 colori principali

fiori bianchi fiori blu fiori gialli
fiori rossi fioei vrdi
   

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

biancospino-1
   

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Utilizzando il sito, dichiari di accettare l'uso dei cookie.