• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
duglasia   Nome scientifico: PSEUDOTSUGA MENZIESII
  Nome comune: ABETE DI DOUGLAS (DOUGLASIA)
  Famiglia: Pinaceae
  Fioritura: Marzo-Aprile
  Habitat: terreni fertili, silicei, freschi, profondi e ben drenati. Foreste in zone montuose e aree in castagneti degradati. Da 700 a 1800m. Presente in Lombardia, Veneto, Emilia, Toscana, Puglia, Calabria, Sardegna.


Descrizione

Proveniente dal Nord America e dal Canada, è stato introdotto in Italia e in gran parte dell’Europa fin dai primi decenni del 1800 a scopo ornamentale per il suo rapido accrescimento e per l’ottima produzione di legname pregiato. Nelle nostre zone lo ritroviamo in rimboschimenti sui rilievi delle Cornate e nei Poggi di Prata, dove da anni si riproduce anche in maniera spontanea.

E’ un albero sempreverde dal portamento maestoso, alto fino a 70-90 m, che può vivere fino a 500 anni. Ha chioma piramidale allungata, simile a quella dell’abete rosso, con rami flessibili.  Il tronco è colonnare con corteccia liscia nei primi anni, color grigio rossastra, provvista di numerose bolle resinifere. Col tempo diventa profondamente fessurata e spessa fino a una decina di cm, in grado di sopravvivere agli incendi boschivi.

Le foglie sono lineari, aghiformi, ma morbide, lunghe fino a 4 cm, con punta ottusa, color verde giallastro brillante con 2 strisce più scure nella parte inferiore, disposte intorno ai rametti. Se vengono stropicciate emettono un gradevole odore di agrumi. Perdurano sui rami per 6-8 anni.

I fiori maschili e femminili crescono sulla stessa pianta. I maschili di colore giallo aranciato, di 1-2 cm si trovano nella parte inferiore dei rami dell’anno, mentre i femminili, di colore verdastro, sono all’apice dei rami dell’anno precedente.

I frutti sono pigne pendule affusolate lunghe 7-10 cm, larghe fino a 4, giungono a maturazione nello stesso anno in cui si formano. Hanno brattee sporgenti suddivise in tre lobi, di cui il mediano molto più appuntito dei laterali. A disseminazione avvenuta le pigne cadono intere. I semi lunghi circa 1 cm e mezzo, sono provvisti di alette lunghe di consistenza cartacea. La pianta diventa fertile a circa 20 anni.

La pianta è considerata miglioratrice del terreno e per il suo portamento elegante viene usata come albero ornamentale, in grado di adattarsi anche a condizioni climatiche molto variabili.   Fornisce un legno durevole e resistente di colore chiaro, massiccio e senza nodi, utilizzato in falegnameria per porte, pavimenti, finestre, imbarcazioni e compensati; una volta veniva usato per traversine ferroviarie e puntoni da miniere.

Nell’aromaterapia l’olio essenziale della Duglasia è considerato uno dei più pregiati profumi ricavati dalle conifere.

Il suo nome è dedicato ai naturalisti scozzesi Archibald Menzies che la scoprì nel 1792 e David Douglas che nel 1827 la portò in Europa, mentre l’etimologia di ‘Pseudotsuga’ deriva dalle parole greche ‘pseudos=falso’ e ‘Tsuga’ che corrispondeva  a una specie delle Pinacee. 

 

Fotografata nei pressi del  Laghetto di Montieri

 

  duglasia 002
  duglasia 003
  duglasia 004
  duglasia 005
  duglasia 006
  duglasia 007

Pseudotsuga menziesii -- Abete di Douglas (Douglasia)