• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-anemone-coronaria   Nome scientifico: ANEMONE CORONARIA
  Nome comune: ANEMONE DEI FIORAI
  Famiglia: Ranuncolaceae
  Fioritura: Febbraio-Aprile
  Habitat: oliveti, prati incolti, bordi di aree coltivate. Fino a 800 m. Non è presente in Val d’Aosta, Trentino, Friuli e Veneto.


Descrizione

cdg-f-anemone-coronaria dis

L’Anemone coronaria è una specie originaria del Medio-Oriente, introdotta in Europa e in Italia in tempi remotissimi per scopi ornamentali. In seguito sfuggita alle colture, oggi viene considerata una specie spontanea e in Toscana è presente con colorazioni violacee, fuxia e rosse.

 

E’ una pianta erbacea perenne con radici a rizoma scuro e ingrossato, con steli lievemente sinuosi, densamente pelosi, alti 20-50 cm. Portano un unico fiore all’apice ornato da un verticillo di foglie, posto a corona, a pochi cm dall’infiorescenza.

Le foglie sono tutte basali, di color verde intenso, decidue durante l’estate, riprendono l’attività vegetativa a fine autunno o a inizio inverno. Sono formate di segmenti con profonde divisioni sfrangiate e frastagliate, pelose nella parte inferiore, portate da lunghi piccioli ricoperti di peluria marronastra.

Il fiore è solitario con diametro di 3-6 cm, con un numero di sepali petaloidi variabile da 5 a 8, di forma ellittica arrotondata. Il colore può essere blu-violetto, scarlatto o rosato, con antere e stami bluastri.

I frutti sono acheni legnosi muniti di piccolo rostro. Per la presenza di ‘Protoanemonina’, la pianta è leggermente velenosa anche per il bestiame e irritante per la pelle e per le mucose, anche se in passato la medicina popolare, la utilizzava per alleviare i dolori articolari.

Il nome di ‘Anemone’, venne attribuito alla pianta da Teofrasto descrivendola come ‘fiore del vento’ per le sue fragili corolle. Ai tempi dell’antica Roma invece, veniva coltivata e venduta per realizzare corone decorative, come la descrive anche l’epiteto ‘coronaria’. Da sempre la raccolta sconsiderata di questi fiori, apprezzati per la loro bellezza, hanno portato a una forte rarefazione in tutto il territorio italiano, tanto che la specie è stata inserita nella lista ‘LRT’ che tutela le piante a rischio estinzione.

                    



  cdg-f-anemone-coronaria 002
  cdg-f-anemone-coronaria 003
  cdg-f-anemone-coronaria 004
  cdg-f-anemone-coronaria 005

Anemone dei fiorai -- Anemone coronaria