• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-osmunda regale   Nome scientifico: OSMUNDA REGALIS
  Nome comune: OSMUNDA REGALE –FELCE FLORIDA
  Famiglia: Osmundaceae
  Fioritura: Maggio-Luglio
  Habitat: ambienti ombrosi e umidi di fondovalle, o freschi boschi collinari. Fino a 100 metri. Diffusa solo nelle regioni Nord-Occidentali e Tirreniche. Non è presente in Val d’Aosta e nelle regioni adratiche


Descrizione

cdg-f-osmunda regale dis

L’Osmunda regalis è una pianta erbacea perenne decidua, di grandi dimensioni appartenente a un genere molto antico risalente al Terziario, paragonabile a un fossile vivente. Nel 2014 nelle vicinanze della città di Malmo, nel sud della Svezia, sono stati scoperti reperti fossilizzati di questa pianta, inglobati in depositi vulcanici.

Si presenta con un grosso stipite cespuglioso e fronde sterili e fertili. Le fertili sono dette ‘sporofilli’ (cioè dotate di ‘sporangi’ dette ‘sori’) e hanno una caratteristica pannocchia coperta di accumuli di sporangi marronastri, nella parte superiore. Sono erette, più basse delle sterili e crescono all’interno della pianta in tarda primavera. I rami sterili, invece hanno grandi fronde dal maestoso portamento, che possono raggiungere fino a quasi 2 metri di altezza.

Le foglie sono ampiamente composte da più elementi, con 7-9 coppie di ‘piume’ lunghe fino a 30 cm. Ogni elemento ha forma oblunga, di colore verde intenso, senza peluria.

Nella mitologia venivano raccolte per la loro bellezza, insieme a un rametto di sporangi con lo scopo di allontanare i demoni.

L’Osmunda regalis per lungo tempo veniva raccolta in maniera indiscriminata, poiché i pani di terra contenenti le radici, un volta prelevati, servivano come substrato per la coltivazione delle orchidee. A causa anche del suo ciclo vegetativo molto lento, la pianta ha visto ridursi così tanto il suo areale, al punto di essere ritenuta in pericolo di estinzione. Importanti stazioni si trovano proprio in Toscana, in ambienti umidi, caratterizzati da un microclima particolare.

Il suo nome deriva da due parole norrene (antica lingua nordica): ‘Ass=Dio e Mund=protezione’, in quanto si riteneva che la pianta avesse poteri magici. ‘regalis’ invece è una parola latina che ne descrive il portamento maestoso.

La specie da molti anni è inclusa nelle ‘Liste Rosse’ che ne vietano severamente la raccolta.

Osservata nei boschi intorno al torrente Farma.

                    



  cdg-f-osmunda regale 002
  cdg-f-osmunda regale 003
  cdg-f-osmunda regale 004
  cdg-f-osmunda regale 005
   
   

Osmunda regalis -- Osmunda regale – Felce florida