• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-ranuncolo-favagello   Nome scientifico: RANUNCULUS FICARIA
  Nome comune: RANUNCOLO FAVAGELLO
  Famiglia: Ranunculaceae
  Fioritura: Gennaio-Maggio
  Habitat: Boschi misti, campi, prati, bordi di viottoli. Predilige terreni umidi, basici, ricche di sostanze nutritive. Frequente in gruppi estesi.


Descrizione

cdg-f-ranuncolo-favagello dis

Pianta perenne, alta fino a 30 cm, con piccoli tuberi sotterranei e numerosi radici carnose, che ogni anno generano nuove foglie e fiori. Il fusto è cavo, di consistenza molle e prostrato, poi eretto, color verde brillante.

Le foglie radicali hanno un lungo picciolo, cuoriformi, con margine ondulato, di consistenza assai carnosa, color verde lucido con varie nervature e talvolta macchie più scure. Quelle inserite lungo il fusto sono più piccole, con stelo più breve. 

I fiori, solitari, ermafroditi, portati da un lungo peduncolo, sono larghi circa 2,5cm. Hanno il calice formato da 3sepali ellittici, con corolla formata da 7-11 petali oblunghi di color giallo dorato molto lucente, con nervature e stami gialli.

Il frutto, inserito nel ricettacolo, è composto da numerosi acheni ovoidali con apice acuto.

 

Questa pianta, è l'unica specie tra le "Ranuncolacee", ad essere in parte commestibile, purchè raccolta prima della fioritura. Durante questa fase, è ricca di vitamina C ed è possibile consumare, previa bollitura, sia le foglie che le radici. Durante il periodo della fioritura invece, la pianta produce "anemonina", tossica per l'uomo.

In erboristeria è utilizzato l'infuso come rimedio per togliere le impurità della pelle. In passato, le sue foglie venivano consumate per combattere lo scorbuto, perché ricche di vitamina c. Il botanico fiorentino del '700, Targioni Tozzetti, ne consigliava l'utilizzo solo in caso di guerre o carestie!

La parola latina "Ranunculus", significa: piccola rana, in quanto questa pianta predilige zone paludose e umide.  "Ficaria", che proviene da "Ficus", fa notare la somiglianza, dei tuberi della pianta con la forma dei fichi e il nome popolare di "Favagello", è riferito alla forma del suo frutto, simile a una piccola fava.

 

Specie protetta

                    



  cdg-f-ranuncolo-favagello 002
  cdg-f-ranuncolo-favagello 003
  cdg-f-ranuncolo-favagello 004
   
   
   

Ranuncolo favagello -- Ranunculius ficaria