• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
alaterno 001   Nome scientifico: RHAMNUS ALATERNUM
  Nome comune: ALATERNO
  Nomi locali: Legno puzzo
  Famiglia: Ramnaceae
  Fioritura: Febbraio-Aprile
  Frutti: Maturi ad agosto
  Habitat: Costeggia boscaglie e sentieri o pendii calcarei fino a 700 m. Comune nelle leccete, nelle garighe, vicino al greto di ruscelli.


Descrizione

alaterno dis

L’Alaterno è un arbusto sempreverde che fa parte della Macchia Mediterranea, che spesso viene utilizzato per rimboschire zone rupestri e aride.


Può presentarsi come un piccolo albero alto fino a 5 m. con chioma rotondeggiante o avere un portamento cespuglioso con numerosi fusti ramosi dalla corteccia rossastra.

 

Le foglie sempreverdi sono lucide e coriacee, lunghe da 2 a 5 cm, di forma ovale-lanceolata, leggermente seghettate con evidente nervatura centrale. Nella parte superiore sono di un bel colore verde brillante, nella inferiore sono giallastre.


Anche i piccolissimi fiori sono giallastri, profumati, con calice giallognolo e petali inesistenti, raccolti in corti racemi, portati da brevissimi peduncoli. 


I frutti sono drupe rotondeggianti velenose, ma molto decorative, prima rossastre, poi rosse, poi nere (3-4mm), contenenti 3 semini al loro interno.


Il legno di questa pianta è molto duro, ma appena tagliato emana uno sgradevole odore, per questo l’Alaterno viene anche volgarmente chiamato “Legno Puzzo”. 


Come specie officinale è una pianta tossica, ma una discreta mellifera.
Dai frutti si ottengono lassativi con  proprietà vermifughe.


In passato, dai rami e dalle foglie dell’Alaterno si estraeva un pigmento giallo-arancio che serviva per la tintura delle stoffe.
Dai frutti invece, si otteneva il colore “verde vegetale”.

 

Fin dai tempi antichi, all’Alaterno erano legate alcune superstizioni e aneddoti. Si pensava che fosse in grado di annullare gli incantesimi negativi e in Sardegna e in altre regioni venivano realizzati dei bastoncini intagliati come amuleti, da indossare per proteggersi da ogni pericolo. 


La parola “Ramnus”, derivante dal greco “Rabdos” vuol dire “bastoncino”, riferito alla flessibilità dei suoi rami. 
La parola “Alaterno” invece deriva da “Alternus” e vuol descrivere la maniera alterna in cui sono poste sui rami le sue foglioline.

  alaterno 002
  alaterno 003

 

Alaterno -- Rhamnus alaternum