• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-bugola   Nome scientifico: AJUGA REPTANS
  Nome comune: BUGOLA STRISCIANTE-ERBA DI SAN LORENZO
  Famiglia: Lamiaceae
  Fioritura: Marzo-Giugno
  Habitat: prati, cespugli, bordi di campi e boschi. Predilige luoghi ombreggiati e freschi. Fino a 1500m.


Descrizione

Pianta erbacea perenne di aspetto tappezzante con radici fascicolate e fusti stoloniferi striscianti e radicanti ai nodi. Gli steli fiorali sono eretti, tetragoni, alti fino a 20cm; solitamente glabri alla base, con pubescenza lanosa in alto, specialmente nella zona dell’infiorescenza, spesso con sfumature violacee.

Le foglie basali, di color verde scuro lucido sono riunite in dense rosette, sostenute da lunghi piccioli (lunghe 8/10cm e larghe 2/4), con lamina fogliare oblungo-spatolata, leggermente crenata ai margini. Lungo il fusto sono presenti foglie più piccole che, più in alto nella zona fiorale si riducono a brattee lunghe quanto  i fiori.

I fiori sono riuniti in gruppi di 6/8 elementi posti a spiga, accompagnati da brattee ovali di solito verdastre con sfumature violacee. Il calice è peloso, lungo circa mezzo cm; la corolla azzurro-violetto con sfumature bianche e nervature longitudinali più scure. E’ formata da un tubo pubescente con brevissimo lobo superiore, mentre l’inferiore ha una forma trilobata con lobo centrale più grande. Al centro sporgono stami azzurri. Talvolta i fiori possono essere rosati o addirittura bianchi.

Il frutto è un achenio rugoso reticolato con minuscoli semini scuri.

La pianta veniva apprezzata durante il medioevo per trattare qualsiasi tipo di emorragie e per disintossicare il fegato. Tutt’oggi sono apprezzati gli infusi delle sue foglie come antinfiammatorio, astringente e digestivo; mentre per uso cosmetico e omeopatico la pianta viene usata in pomate per lesioni cutanee, piaghe, ferite, abrasioni e per attenuare la couperose.

I giovani getti si possono consumare nelle insalate.

Il suo nome ‘Ajuga’ proviene dal latino, composto dal prefisso privativo ‘A’ e dalla parola ‘Jugum’=giogo, che sta ad indicare l’assenza del labbro superiore. ‘ Reptans ‘  invece significa strisciante, riferito ai suoi lunghi stoloni che si propagano nel terreno.

  cdg-f-bugola 002
  cdg-f-bugola 003
  cdg-f-bugola 004
   
   
   

Ajuga reptans -- Bugola strisciante - Erba di San Lorenzo