• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg b biancospino 001   Nome scientifico: CRATAEGUS MONOGYNA
  Nome comune: BIANCOSPINO
  Famiglia: Rosaceae
  Fioritura: Aprile-Maggio;
  Frutti Ottobre
  Habitat: Si trova dovunque nei luoghi incolti, siepi, macchie, radure dei boschi e arbusteti. Diffuso in tutta Italia fino a 1500metri.


Descrizione

cdg-b-biancospino dis

 

 

E' una pianta che di solito si presenta normalmente come un arbusto, ma che può raggiungere le dimensioni di un piccolo albero.

Molto ramificata con rametti spinosi e tronco sinuoso, che spesso si ramifica fin dalla base. La corteccia è liscia e grigia nelle piante più giovani e tende a sfaldarsi in placche marronastre con l'età.

E' una pianta piuttosto robusta che può vivere  per diversi secoli; in passato veniva piantata al bordo dei campi per formare barriere e limiti di confine per proteggere la proprietà dei terreni. 

Le foglie sono caduche, con picciolo corto e la base a forma di cuneo, incise in 3-5 lobi, molto frastagliate, di color verde scuro.

I fiori sono delicatamente profumati,  di colore bianco con antere rosse, raggruppati in corimbi, portati da corti rametti.  Il calice ha 5 lacinie triangolari e la corolla  5 petali rotondeggianti.

I frutti, che in realtà sono falsi frutti, sono piccole drupe ovali color rosso-bruno e contengono nella polpa, il vero frutto che consiste in un nocciolo legnoso di colore brunastro.

 

Il Biancospino è un potente tonico cardiaco, antispasmodico, in grado di regolare la circolazione sanguigna agendo sui vasi e sul muscolo del cuore. Corregge l'ipertensione e l'aritmia e può essere d'aiuto per l'arteriosclerosi, per l'angoscia, l'insonnia e le vertigini.

Si usano gli infusi di fiori, dal sapore delizioso per le proprietà sedative, ipotensive e vasodilatatorie. L'infuso di frutti, invece ha proprietà astringenti.

Con la corteccia dei rami, con i fiori e i frutti, si possono fare decotti da utilizzare per uso esterno, utili come antinfiammatori delle mucose della bocca e delle gengive.

Usato anche nella preparazione di prodotti cosmetici per tonicizzare la pelle grassa. 

               

 …..Per ottenere un ottimo sciroppo dissetante basta mettere in infusione una manciata di fiori in ½ litro di acqua bollente per mezz’ora. Dopo aver filtrato , rimettere a bollire per altri 2 minuti circa, mescolando. Diluendone qualche cucchiaio in un bicchiere di acqua fredda si otterrà una bevanda, non solo molto gradevole, ma in grado di calmare la sete.

                       

Il suo nome deriva dalla parola greca 'Krataigos che significa forza e robustezza, riferito alla robustezza del suo legno, mentre l'epiteto, dalle parole ''monos' e 'gyne' (unico e femmina), si riferisce all'organo riproduttore femminile che ha 1 solo pistillo.

                    



  cdg b biancospino 002
  cdg b biancospino 003
  cdg b biancospino 004
   
   
   

Biancospino -- Crataegus monogyna - Crataegus oxyacanta