• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f cisto 001   Nome scientifico: CISTUS
  Nome comune: CISTO
  Famiglia: Cistaceae
  Fioritura: Aprile - Giugno
  Habitat: Sottobosco della Macchia Mediterranea, macchie degradate basse, garighe,luoghi aridi.


Descrizione

I Cisti sono piccoli arbusti cespugliosi, sempreverdi, molto ramificati che possono raggiungere 1 mt di altezza. Nella flora italiana ne esistono poco meno di una decina di specie che si possono distinguere dalla colorazione dei fiori: a corolla bianca (leucocisti) oppure a corolla rosso-violacea (eritrocisti).

Dalla distillazione del Cisto, si ottiene una resina chiamata "ladano" che viene usata come fissativo nella preparazione dei profumi.Il cisto viene usato come infuso antiinfiammatorio perchè contiene un'elevata percentuale di polifenoli. Ha anche un'azione antimicrobica riguardante le infezioni della pelle.

La macchia a cisto,ospita esempi di simbiosi con varie specie di funghi: lattari, amanite e boleti.Il Cisto ha la capacità di ricrescere anche dopo incendi boschivi.

La parola "Cisto" deriva dal greco "Kistis" che vuol dire "vescichetta", riferita alla particolare forma rigonfia della capsula che contiene i semi.

  cdg f cisto 002

cdg-f-cisto disIl cisto femmina (Cistus Salvifolius)

E' il più vistoso tra i cisti a fiori bianchi per le sue corolle simili al fiore della Rosa Canina, di 4-5 cm di diametro. E' un arbusto alto 20 - 80 cm, non vischioso, con foglie opposte ovali-ellittiche di un verde che ricorda la salvia.

I suoi fiori misurano quasi il doppio rispetto a quelli del "Cisto Marino - Di Montpellier", sono solitari o in gruppi di 2 - 3.


 

  cdg f cisto 003
  cdg f cisto 004

cdg f cisto rosso dis I cisto rosso (Cistus Incanus)

E' la specie più frequente tra i cisti rossi. Ha foglie opposte di forma ovale, rugose e increspate ai margini, ricoperte da una peluria bianco-argentea (da cui l'appellativo "incanus"). I fiori sono solitari o in gruppi di 2-3, di colore rosa vinato: i petali sembrano fatti di una leggera seta stropicciata.

  cdg f cisto rosso 001
  cdg f cisto rosso 002

cdg f cisto montpellier dis Il cisto di Montpelier o cisto Marino (Cistus Monspeliensis)

 E' un arbusto che predilige terreni silicei. Ha foglie verde scuro, opposte- lanceolate, percorse da tre solchi e sono piuttosto vischiose. I fiori sono più piccoli, ma effimeri,come quelli delle altre specie, composti da 5 petali bianchi, riuniti in cime di 5 - 8. Il Cisto di Montpellier è rifiutato dagli animali perchè fortemete aromatico.

 
  cdg f cisto montpellier 001
  cdg f cisto montpellier 002

Cisto -- cistus