• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg b corbezzolo 001   Nome scientifico: ARBUTUS UNEDO
  Nome comune: CORBEZZOLO (ALBATRO)
  Famiglia: Ericaceae
  Fioritura: Ottobre – Novembre e durante tutto l'anno, contemporaneamente alla fruttificazione.
  Habitat: Ambienti soleggiati della Macchia Mediterranea e delle leccete. Predilige terreni acidi, ricchi di humus, fino a 800 m.


Descrizione

cdg b corbezzolo dis

Il Corbezzolo è una specie termofila, importante e decorativo sempreverde della Macchia Mediterranea, dove lo possiamo trovare in associazioni di Mirto, Lentisco, Leccio e Sughera.

Le sue dimensioni sono variabili, da quelle di un piccolo arbusto, a quelle di un vero e proprio albero alto fino a 10 m. Ha una chioma tondeggiante e una caratteristica corteccia rossastra che si sfalda in sottili sfoglie allungate.

Le foglie sono ovali-oblunghe, acuminate, col margine seghettato con piccoli denti acuti, portate da lunghi piccioli. Hanno consistenza coriacea di un bel verde scuro lucido, con piccole nervature prominenti nella superficie inferiore.

I fiori sono riuniti in corimbi penduli formati da 10-30 elementi. Mostrano piccole corolle bianco crema, con strozzatura che forma un calice.

Il frutto è una bacca sferica color rosso-arancio di circa 10-12mm di diametro, che matura nell'autunno dell'anno successivo alla fioritura. La superficie appare granulosa, ma all'interno la polpa è piuttosto tenera, di colore giallastro, con la presenza di numerosi piccoli semi di color marrone chiaro. I frutti sono commestibili, anche se è prudente consumarne con parsimonia.

La caratteristica del Corbezzolo è di presentare contemporaneamente, in molti mesi dell'anno, sia le sue belle foglie sempreverdi, che i suoi fiori bianchi, insieme ai frutti che diventano rossi durante la maturazione, tanto che nel Risorgimento era stato eletto “pianta nazionale” e considerato simbolo del Tricolore.

 Il Corbezzolo vegeta prontamente, anche dopo gli incendi boschivi emettendo vigorosi polloni. Il suo legno è ricercato per piccoli lavori artigianali e può fornire un ottimo carbone. Se viene bruciato per la cottura degli arrosti, conferisce agli alimenti un aroma particolare.

La corteccia è ricca di tannino e veniva usata nella concia delle pelli, mentre le con sue foglie che hanno proprietà medicinali astringenti, venivano preparati decotti per schiarire i capillari evidenti.

Con i frutti si possono preparare ottime marmellate e liquori.

Si pensa che il suo nome abbia origini celtiche, dalle parole “ar”=aspro e “butus” =cespuglio. Con l'epiteto "Unedo" (unum=uno e edo=mangio), i latini consigliavano: “ne mangio uno e basta” viste le proprietà spiccatamente astringenti dei frutti. La parola “Corbezzolo” invece, pare derivare da un antico vocabolo germanico “Kirsch bùschel” che significa grappolo di ciliegie.

 

Nelle regioni Veneto, Marche, Molise, Emilia Romagna, è una specie protetta e soggetta a tutela.

                    



  cdg b corbezzolo 002
  cdg b corbezzolo 003
  cdg b corbezzolo 004
  cdg b corbezzolo 005
  cdg b corbezzolo 006
  cdg b corbezzolo 007

Corbezzolo -- Arbutus unedo