• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-dente-di-cane   Nome scientifico: ERYTHRONIUM DENS CANIS
  Nome comune: DENTE DI CANE
  Famiglia: Liliaceae
  Fioritura: Febbraio-Aprile
  Habitat: margini di boschi freschi di latifoglie, prati con substrato siliceo o calcareo. Fino a 1300 m. Presente al Nord e nel Centro Italia.


Descrizione

cdg-f-dente-di-cane dis

Piccola pianta erbacea perenne elegante e vistosa, alta 10-20 cm, provvista di piccolo bulbo cilindrico, solido ricoperto di tuniche marronastre.

La pianta non ha fusto e quello che appare è in realtà il peduncolo allungato che porta l’infiorescenza.

Le foglie sono solo 2, glauche, di forma ovale-oblunga, color verde scuro opaco con macchiettature porpora e talvolta anche biancastre sulla parte superiore. Sono portate da un lungo picciolo, larghe 3-4 cm e lunghe da 5 a 15. Nelle piante sterili è presente solo una foglia, molto più ovale, con macchie più scure tendenti al marrone.

Il fiore è solitario, (di circa 5 cm), pendente, molto caratteristico, lungamente peduncolato. Ha 6 tepali lanceolati di colore rosato-violetto o biancastro, ripiegati indietro che mettono in mostra alla fauce, vistose macchia gialle contornate di arancione. Sporgono dalla corolla i lunghi stami biancastri e lo stimma trifido.

Il frutto è una capsula ovoidale contenente numerosi semini scuri, rugosi e piatti.

Per la sua bellezza, nel XVI° secolo era piantato per abbellire i giardini.

cdg-f-dente-di-cane 006La pianta è commestibile e può essere consumata a crudo nelle insalate o lessata insieme alle altre erbe spontanee. In Giappone viene coltivata per estrarre dai bulbi un amido per fare paste alimentari.

Il nome del genere proviene dal greco ‘Erythros=rosso’ i riferimento al colore del fiore, mentre il nome specifico ‘Dens canis’ vuol descrivere la forma acuminata del bulbo che rassomiglia a un dente di cane.

E’ considerata una specie rara e fa parte della LRT delle piante a rischio estinzione.

  cdg-f-dente-di-cane 002
  cdg-f-dente-di-cane 003
  cdg-f-dente-di-cane 004
  cdg-f-dente-di-cane 005

Dente di cane -- Erythronium dens canis