• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f digitale gialla 001   Nome scientifico: DIGITALIS LUTEA
  Nome comune: DIGITALE GIALLA
  Famiglia: Plantaginaceae
  Fioritura: Giugno-Agosto
  Habitat: prati e margini di sentieri montani, radure boschive. Terreni freschi e in penombra da 700 a1600 metri. Non è presente in Friuli, Sicilia e Sardegna.


Descrizione

cdg-f-digitale-gialla dis

Pianta erbacea perenne con rizoma legnoso posto orizzontalmente e con fusto eretto, dritto e senza ramificazioni, alto fino a 1 metro.

Le foglie sono alterne, lanceolate, color verde scuro, presenti su tutto il fusto e diminuiscono di dimensione verso la sommità, diventando più aguzze rispetto a quelle più basse. Le foglie basali  sono molto più arrotondate.

I fiori sono raggruppati in lunghi racemi, rivolti verso un solo lato. La fioritura ha inizio partendo dal basso verso l’alto e può perdurare anche per diverse settimane. Il fiore ha forma campanulata, ha un calice con 5 lacinie lenceolate con corolla (lunga un paio di cm) a forma campanulata-tubolosa girata verso il basso, che si divide in quattro lobi di color giallo verdastro.

Esternamente il fiore è liscio e glabro, mentre all’interno presenta una vistosissima peluria bianca. Talvolta sono presenti piccole macchie sul tubo corollino, che servono da richiamo agli insetti impollinatori.

Il frutto è una piccola capsula globosa con apice acuminato, contenente semi bruno-rossastri.

Anche questa pianta, come tutte le Digitali contiene glucosidi cardioattivi velenosi, al punto che solo 10 gr di foglie secche possono procurare la morte.

Sotto stretto controllo medico veniva usata, in passato, come cardiotonico.

Il suo nome scientifico proviene dalla parola latina ‘digitilus’ diminutivo di ‘digitus’, che significa piccolo dito, alludendo alla forma della corolla simile a un ditale. Con l’epiteto ‘lutea’ si descrive invece la sua corolla giallastra.

 

 Fotografata in Cornata

                    



  cdg f digitale gialla 002
  cdg f digitale gialla 003
  cdg f digitale gialla 004
  cdg f digitale gialla 005
   
   

Digitale gialla -- Digitalis lutea