• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-dulcamara   Nome scientifico: SOLANUM DULCAMARA
  Nome comune: DULCAMARA
  Famiglia: Solanaceae
  Fioritura: Maggio-Settembre
  Frutti: Settembre-Dicembre
  Habitat: luoghi umidi e ombrosi, bordi di fossi, cespuglieti in prossimità di corsi d’acqua. Fino a 1100 metri.


Descrizione

cdg-f-dulcamara dis

Pianta erbacea perenne a rapida crescita, con radici che strisciano nel terreno e che producono esili fusti cilindrici con base legnosa, erbacei in alto. Anch'essi striscianti e molto ramificati, sono lunghi da 30 cm a 2 metri e crescono appoggiandosi come supporto, su siepi o altre piante vicine.

Le foglie sono alterne di color verde chiaro brillante, di forma variabile, portate da lunghi piccioli. Spesso hanno alla base due orecchiette ovali-lanceolate. Sono divise da 3 a 5 volte, con lobo terminale lanceolato-cuoriforme. Sono lunghe da 3 a 10 cm.

L’infiorescenza è raccolta in cime che portano 10/20 fiori sostenuti da lunghi peduncoli. Il calice campanulato lungo 3-4mm, con 5 brevi lobi ovati. La corolla è rotata, retroflessa a fine fioritura, larga 10-15 mm, di colore violetto con piccole macchie rotondeggianti verdi orlate di bianco alla base del fiore. Al centro sono visibili stami e antere gialle e appariscenti. All’inizio della fioritura le 5 lacinie appaiono aperte, per diventare poco dopo riflesse indietro.

Il frutto portato da peduncoli incurvati, è una bacca carnosa ovoide di 7-10mm, prima verde, poi gialla, poi rossa a fine maturazione, che può rimanere sulla pianta durante tutto l’inverno. All’interno sono contenuti semi rotondeggianti.

Come tutte le solanacee, la Dulcamara è una pianta tossica, contente saponine e alcaloidi, che si concentrano soprattutto nelle foglie, nel fiore e nei fusti che se ingeriti possono provocare paralisi respiratorie e convulsioni.

In passato era impiegata per combattere dermatiti, eruzioni cutanee, congestioni bronchiali, reumatismi e coliti ulcerose. Ha proprietà narcotiche, sedative e calmanti.

Si suppone che il nome generico possa derivare dalla parola latina ‘Solanum=sollievo, consolazione’, che sta a indicare appunto le sue proprietà calmanti e narcotizzanti; ma secondo altre teorie potrebbe derivare da ‘Sol=sole’ per la forma stellata del fiore.

 

Fotografata in Pavone

  cdg-f-dulcamara 002
  cdg-f-dulcamara 003
  cdg-f-dulcamara 004
  cdg-f-dulcamara 005
  cdg-f-dulcamara 006

Dulcamara -- Solanum dulcamara