• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f fiordaliso triunfetti 001   Nome scientifico: CIANUS TRIUMFETTII
  Nome comune: FIORDALISO DI TRIUNFETTI
  Famiglia: Asteraceae
  Fioritura: Maggio-Ottobre
  Habitat: dirupi rocciosi, boschi e prati montani e submontani. Suoli freschi da 500 a 2000,metri. Non è presente in Sardagna.


Descrizione

cdg-f-fiordaliso-triunfetti dis

Pianta erbacea perenne alta da 15 a 50 cm, con radici rizomatose, da cui si dipartono i fusti eretto-ascendenti,  con vari getti laterali che crescono all’ascella delle foglie.

 

Le foglie hanno forma lanceolata con lamina intera, talvolta con qualche dentellatura. Sono di color verde glauco chiaro, ricoperte da una fine lanugine, appena abbraccianti il fusto.

 

L’infiorescenza è generalmente un capolino solitario, piuttosto grande, fino a 5/6 cm di diametro,  portato da un involucro cilindrico ricoperto di squame embricate, delineate da un margine scuro contornato da evidenti peli. Ogni capolino ha un calice formato da sepali ridotti a piccola coroncina squamosa. La corolla tubolosa termina con 5 lobi all'apice. Gli esterni sono raggianti, molto larghi, formati da ligule rade dall’inconfondibile color azzurro violaceo, mentre i fiori centrali sono più corti, eretti di colore viola rosato.

I frutti sono acheni scuri e striati (4-5mm) con piccolo pappo setoloso, che non supera i 2 mm.

 

Tutti i Cyanus, appartenenti alla specie, venivano anticamente impiegati per combattere le infiammazioni degli occhi e della bocca e come calmanti della tosse. Dai fiori della pianta si otteneva una colorazione violacea, usata dai pittori.

La parola ‘Cyanus’ proveniente dal greco ‘kyanos’ significa turchino, per descrivere il colore dei fiori di alcune specie.

La pianta è stata dedicata a Trionfetti, illustre botanico romano del ‘600.

Nella mitologia greca, Cyanus un giorno venne trovato morto vicino a un cespuglio fiorito. La dea Flora, sua amata volle che quella pianta da allora portasse il nome dello sfortunato giovane, appunto ‘Fiordaliso’.

Questa specie, non molto comune, osservata sui rilievi della Cornata non è di facile identificazione, in quanto soggetta a polimorfismi e tipici endemismi.

La piccola differenza che la contraddistingue tra le specie simili, è costituita dal piccolo dettaglio delle numerose ‘ciglia’ nere presenti sull’involucro, che superano il margine superiore delle squame che lo compongono, a differenza di altre specie che si mostrano in numero minore e più rarefatte.

Specie protetta

                    



  cdg f fiordaliso triunfetti 002
  cdg f fiordaliso triunfetti 003
  cdg f fiordaliso triunfetti 004
  cdg f fiordaliso triunfetti 005
   
   

Fiordaliso Di Triunfetti -- Cianus Triumfetti