• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg b anemone bianca 001   Nome scientifico: ANEMONOIDE NEMOROSA
  Nome comune: ANEMONE BIANCA
  Famiglia: Ranunculaceae
  Fioritura: Febbraio - Maggio
  Habitat: Margini erbacei dei boschi di latifoglie. Fino a 1500. Non è presente in Calabria, Sicilia e Sardegna


Descrizione

cdg-b-anemone-bianca dis

Pianta  erbacea perenne con radici rizomatose e tozze, giallo-brunastre, che strisciando sul terreno formano ampie colonie.

Le foglie sono palmate, divise a loro volta, in 3-5 foglioline. Quelle basali, si sviluppano dopo la fioritura, hanno forma trilobata, irregolarmente divise in segmenti. Quelle lungo lo stelo, si raggruppano circa alla metà dell'altezza del fusto, in un verticillo composto da 3 elementi.

Il fusto eretto, porta un solo fiore, con corolla larga da 2 a 4 cm. I petali, di numero variabile da 6 a 9, hanno forma ellittica, sono di colore bianco, talvolta lievemente rosato nella parte sottostante, con  antere e numerosi stami giallastri.

I frutti sono acheni marronastri sferoidali lunghi  circa fino mezzo centimetro, su cui resta visibile lo stilo persistente.

 

L'anemone, secondo Plinio il vecchio, è una specie officinale tossica, che veniva usata in un modo curioso, per combattere la febbre, applicando le parti del fiore, avvolte in un panno rosso, sul braccio dell'ammalato. Nella stessa maniera, anticamente venivano curate anche le irritazioni e le micosi della pelle.

Le foglie e lo stelo, contengono  "Anemolo" e possono provocare ustioni, semplicemente col loro contatto e non vanno assolutamente ingerite.

La parola "Anemone" proviene dal greco "Anemòs" = vento, per la facilità che hanno queste piante di dissolvere i loro petali nelle giornate ventose. Il termine "Nemoris", proviene invece da un termine latino che significa "ambiente del bosco".

Come racconta un'antica leggenda mitologica, l'anemone sarebbe nato dalle lacrime della dea Venere per l'uccisione dell'amato Adone.

Osservato nella Riserva Naturale delle Cornate e Fosini

  cdg b anemone bianca 002
   cdg r anemone bianca 003
   

 

Anemone bianca -- Anemonoides nemorosa