• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg b fusaria 001   Nome scientifico: EUONYMUS EUROPEA
  Nome comune: FUSARIA
  Famiglia: Celastraceae
  Fioritura: maggio – giugno
  Habitat: Siepi e margini boschivi misti di caducifoglie, sponde di ruscelli. Predilige terreni freschi di natura calcarea.


Descrizione

cdg-b-fusaria dis

La Fusaria è un arbusto deciduo, con portamento cespuglioso con larga chioma ramosa e può essere alto fino a 3 metri.

La corteccia del suo tronco e dei suoi rami è liscia e verde; diventa brunastra nelle piante adulte.

 

Le foglie sono ovali, lanceolate, appuntite e finemente dentate. Di colore verde-blu sopra e più chiare nella parte sottostante che in autunno diventano di un bel colore giallo ruggine.

L’infiorescenza è raggruppata in cime ascellari formate da 5 a 10 fiori portati su lunghi peduncoli. Hanno 4 petali di 2-3 mm a forma ovato-acuminata, di color giallo verdastro, talvolta rosato.

 

I frutti sono capsule a 4 lobi che ricordano il berretto a spicchi che portavano i preti di una volta. Sono di colore verde e diventano rosa durante la maturazione, quando si aprono per liberare dei coloratissimi semi coperti da un involucro color arancio lucido .

I semi della Fusaria sono molto velenosi perché contenenti alcaloidi e glicosidi, ma durante l’inverno sono una vera golosità per merli, pettirossi, tordi e altri uccelli. In passato, i semi di questa pianta venivano essiccati e polverizzati per essere utilizzati contro i parassiti cutanei, i pidocchi e gli acari della scabbia.

Con il legno compatto e duro venivano preparati ferri e fusi per lavorare a maglia e proprio da questo, la pianta ha preso il proprio nome popolare di "fusaria ".

Nel medioevo, invece con il legno della fusaria venivano costruiti archi e frecce e pochi immaginano che il “carboncino” usato anche da famosi pittori per i loro disegni, proviene dal legno di questa pianta.

 

Il nome scientifico “Evonimus” proviene dal greco “Ev/Eu” che vuol dire “buono” e “ònoma” = nome. Il significato di “buon nome” in senso beneaugurante e scaramantico.

                    



  cdg b fusaria 002
  cdg b fusaria 003
  cdg b fusaria 004
   
   
   

Fusaria -- Euonymus/Evonymus europea